Leggo su Repubblica che Simone Valenti (responsabile Sport dei Cinquestelle) avrebbe detto che i Giochi Olimpici senza soldi pubblici non si faranno, “sarebbe un inedito, almeno in Europa”. Infatti, voglio ricordare che nel 1984 i Giochi di Los Angeles  – io c’ero, le battezzai “Cocacoliadi” (potete consultare i pezzi nell’archivio di Repubblica) furono organizzati privatamente e oculatamente dal manager Peter Ueberroth sfruttando le infrastrutture locali (coinvolgendo un’area di oltre 150 miglia di diametro), utilizzando laddove poté persino strutture mobili a noleggio. Ci guadagnò.

A prescindere dai quasi 950 milioni di euro che il Cio riconosce alle città prescelte, i Giochi Invernali possono convogliare ormai grosse somme, un tempo impensabili, grazie ai diritti tv: per i Giochi Invernali del 2026 si pensa di arrivare a due miliardi di dollari, senza dimenticare la galassia degli sponsor che porterebbero nelle casse degli organizzatori una cifra altrettanto importante, se non maggiore. Poi, c’è il discorso dell’indotto: posti di lavoro creati nel periodo preolimpico, ritorno d’immagine e incremento turistico (un bis dell’effetto Expo). Milano potrebbe giocare in parallelo eventi legati alla moda e all’enogastronomia, inoltre da Milano si potrebbero creare flussi turistici ai Laghi, a Venezia (binomio con Cortina), in genere alle località d’arte del Lombardo-Veneto.

Un’oculata gestione (per esempio, villaggi olimpici da riattare, per esempio a Milano, come unità abitative destinate a studenti e giovani coppie, in regime di edilizia popolare) e un intelligente recupero e rinnovamento delle strutture sportive esistenti, affiancato da nuovi progetti (peraltro già nei piani regolatori), renderebbe le Olimpiadi Invernali non solo una grande occasione, ma un volano irresistibile per consolidare e rilanciare le economie regionali: Lombardia e Veneto già ora hanno Pil superiori a quelli dell’Austria e della Svezia, nostre rivali nelle candidature olimpiche “bianche”.

Come dice il governatore lombardo Attilio Fontana, le Olimpiadi ormai vengono assegnate a grandi città con forte attrattiva: oggi come oggi, Milano vale molto di più di Torino (lo dico a malincuore perché Torino mi piace tantissimo). La sindaca Chiara Appendino, messa all’angolo da scelte di partito, ha perso un’enorme occasione. Milano e Cortina abbinano eccellenze straordinarie, e ce la faranno senza i pelosi aiuti di un governo miope. Milano è un brand mondiale, Cortina è l’aristocrazia dello sci, ed è stata gloriosa sede dei Giochi nel 1956, gli ultimi a misura d’uomo. Una favola che potrebbe avere un seguito, settant’anni dopo. Dall’era della Guerra Fredda a quella dell’intelligenza artificiale, anche nel mondo dello sport e della montagna, sotto le più belle cattedrali alpine, le magiche Dolomiti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Olimpiadi 2026, è solo una partita di interessi politici locali

next
Articolo Successivo

Serie B, il numero delle squadre resta nel caos: 19 o 22. Nel ripescaggio sperano in sei. Ma l’Entella ha già esordito in C

next