Leggo su Repubblica che Simone Valenti (responsabile Sport dei Cinquestelle) avrebbe detto che i Giochi Olimpici senza soldi pubblici non si faranno, “sarebbe un inedito, almeno in Europa”. Infatti, voglio ricordare che nel 1984 i Giochi di Los Angeles  – io c’ero, le battezzai “Cocacoliadi” (potete consultare i pezzi nell’archivio di Repubblica) furono organizzati privatamente e oculatamente dal manager Peter Ueberroth sfruttando le infrastrutture locali (coinvolgendo un’area di oltre 150 miglia di diametro), utilizzando laddove poté persino strutture mobili a noleggio. Ci guadagnò.

A prescindere dai quasi 950 milioni di euro che il Cio riconosce alle città prescelte, i Giochi Invernali possono convogliare ormai grosse somme, un tempo impensabili, grazie ai diritti tv: per i Giochi Invernali del 2026 si pensa di arrivare a due miliardi di dollari, senza dimenticare la galassia degli sponsor che porterebbero nelle casse degli organizzatori una cifra altrettanto importante, se non maggiore. Poi, c’è il discorso dell’indotto: posti di lavoro creati nel periodo preolimpico, ritorno d’immagine e incremento turistico (un bis dell’effetto Expo). Milano potrebbe giocare in parallelo eventi legati alla moda e all’enogastronomia, inoltre da Milano si potrebbero creare flussi turistici ai Laghi, a Venezia (binomio con Cortina), in genere alle località d’arte del Lombardo-Veneto.

Un’oculata gestione (per esempio, villaggi olimpici da riattare, per esempio a Milano, come unità abitative destinate a studenti e giovani coppie, in regime di edilizia popolare) e un intelligente recupero e rinnovamento delle strutture sportive esistenti, affiancato da nuovi progetti (peraltro già nei piani regolatori), renderebbe le Olimpiadi Invernali non solo una grande occasione, ma un volano irresistibile per consolidare e rilanciare le economie regionali: Lombardia e Veneto già ora hanno Pil superiori a quelli dell’Austria e della Svezia, nostre rivali nelle candidature olimpiche “bianche”.

Come dice il governatore lombardo Attilio Fontana, le Olimpiadi ormai vengono assegnate a grandi città con forte attrattiva: oggi come oggi, Milano vale molto di più di Torino (lo dico a malincuore perché Torino mi piace tantissimo). La sindaca Chiara Appendino, messa all’angolo da scelte di partito, ha perso un’enorme occasione. Milano e Cortina abbinano eccellenze straordinarie, e ce la faranno senza i pelosi aiuti di un governo miope. Milano è un brand mondiale, Cortina è l’aristocrazia dello sci, ed è stata gloriosa sede dei Giochi nel 1956, gli ultimi a misura d’uomo. Una favola che potrebbe avere un seguito, settant’anni dopo. Dall’era della Guerra Fredda a quella dell’intelligenza artificiale, anche nel mondo dello sport e della montagna, sotto le più belle cattedrali alpine, le magiche Dolomiti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Olimpiadi 2026, è solo una partita di interessi politici locali

prev
Articolo Successivo

Serie B, il numero delle squadre resta nel caos: 19 o 22. Nel ripescaggio sperano in sei. Ma l’Entella ha già esordito in C

next