È stata inaugurata questa mattina la nuova strada a mare ribattezzata “Via della Superba”. Lunga circa sei chilometri, riprende la già esistente “via del Papa”, chiusa da anni, e mira a eliminare dal traffico urbano 2-3mila camion che ogni giorno percorrono più volte la tratta dal porto di Genova-Sampierdarena a quello di Voltri-Prà, nel ponente genovese. Sono decine di migliaia i Tir che, ogni settimana fino al quel drammatico 14 agosto, percorrevano quotidianamente il ponte Morandi. “È un primo passo – sottolinea il sindaco Marco Bucci – che va nella direzione di decongestionare la città, che da settimane paralizza il ponente e la Val Polcevera”.  “Abbiamo voluta inaugurarla lo stesso – spiega il presidente della Regione, Giovanni Toti – per dare un segnale che la città riparte e le istituzioni stanno facendo tutto quello che gli è possibile per venire incontro ai disagi dei cittadini e rispettare le promesse fatte”. Alla cerimonia di inaugurazione della nuova strada era presente anche il presidente dell’Autorità di sistema portuale del Mar Ligure Occidentale, Paolo Emilio Signorini.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

M5S, Fraccaro: “Abbiamo depositato i ddl costituzionali per tagliare 345 onorevoli e introdurre il referendum propositivo”

prev
Articolo Successivo

Manovra, Borghi vs Boccia: “Non ci sono nanetti che trovano soldini in miniera”. “Quelli delle 3 carte ti fanno un baffo”

next