“Penso sia normale avere paura in certi momenti e, mentre mi portavano in ospedale, continuavo a ripetermi che non potevo e non volevo morire in quel modo“. Ospite della prima puntata della nuova stagione di Verissimo, Niccolò Bettarini, ricorda tutto quanto è successo quel sabato notte di due mesi fa, quando è stato ferito da alcune coltellate fuori da una discoteca di Milano. Accanto a lui la madre, Simona Ventura, pronta all’esordio con Temptation Island Vip il prossimo 18 settembre.

“Chi ha sofferto di più è stata la mia famiglia. Per la prima volta ho visto mio padre piangere. Mamma e papà sono stati entrambi molto male e vederli così mi ha fatto più male delle undici coltellate“, racconta ancora Niccolò. Un dolore che condivide anche mamma Simona, che ha detto di esser rimasta paralizzata di fronte a quella notizia che rimbalzava sui giornali: “Dentro di me sentivo che non poteva essere così grave come stavo leggendo. Il mio compagno Gerò è corso in ospedale prima di me, e tutti si sono prodigati per starmi vicino, a partire dalle istituzioni e dal sindaco di Milano. Adesso ci aspetta una nuova vita con nuovi colori”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

A domani su canale 5 ?✌???

Un post condiviso da Niccolò Bettarini (@mr_bettarini) in data:

“Da pochi mesi a questa parte vivo le esperienze della vita e di lavoro con un’altra percezione. Abbiamo vissuto questa cosa come un grande segnale, come a dirci che i valori sono altri”, aggiunge la conduttrice, ancora scossa dall’accaduto. Infine, a Silvia Toffanin che le chiede se ora abbia paura per i suoi figli, Simona risponde: “Sono cattolica, ma anche molto fatalista, credo che per ognuno di noi ci sia un destino già scritto. Tenerli a casa non serve a nulla. Certamente Niccolò adesso è contento di questa nuova vita e spero che la veda da una prospettiva differente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Miss Italia 2018, per la prima volta a Milano con la conduzione di Diletta Leotta e Francesco Facchinetti. Ecco le novità

prev
Articolo Successivo

Crozza nei panni del figlio di Fedez e Chiara Ferragni: “Cantante preferito? Sfera Ebbasta”. L’imitazione esilarante

next