Venerdì mattina alle 11.36, ora esatta del crollo del ponte Morandi, la città si è fermata per un minuto di silenzio in memoria delle 43 vittime. Le sirene del porto e le campane delle chiese hanno suonato per il momento di raccoglimento mentre le oltre 500 persone rimaste senza casa si sono date appuntamento sul luogo della tragedia. Bandiere ammainate a lutto e serrande abbassate, centinaia di persone in strada in piazza De Ferrari. È passato un mese dal crollo del viadotto dell’autostrada A10 e il silenzio avvolge la città.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Scanzi: “Il commissario Ue Moscovici dice che in Europa ci sono tanti piccoli Mussolini? Così rafforza i populisti”

next
Articolo Successivo

Liliana Segre, la senatrice a vita: “Salvini? È il volto nuovo dell’Europa, ma di un’Europa dell’indifferenza”

next