Era scesa dall’auto subito dopo essere stata tamponata. Bloccata sulla corsia di sorpasso, temeva per le proprie bambine di 1 e 5 anni, rimaste in macchina, e voleva posizionare in fretta il triangolo per avvertire del pericolo gli altri automobilisti. Così Barbara Fettolini – 38enne di Sesto San Giovanni – è stata travolta da un’altra vettura che sopraggiungeva, e ha perso la vita sul colpo. È successo ieri sera intorno alle 20 sull’A8, l’autostrada dei laghi, nei pressi dello svincolo di Rho Fiera Milano che porta alla tangenziale ovest del capoluogo.

Secondo la Polstrada, la donna si trovava sulla quarta corsia in direzione Milano, quando la sua Renault Clio è stata urtata da una Peugeot 207, compiendo un testacoda. La donna alla guida dell’altra auto – Cristina C., di 37 anni – è riuscita a portarsi sulla corsia d’emergenza, poi è immediatamente scesa per dare il suo aiuto, venendo anche lei travolta. È stata trasportata in codice rosso all’ospedale di Niguarda, dove ha subito l’amputazione di una gamba. Al momento è in prognosi riservata, con fratture al volto ed ecchimosi su tutto il corpo.

Le figlie della vittima sono rimaste ferite solo lievemente, e sono ricoverate in osservazione all’ospedale Sacco. Praticamente illesi anche i due uomini – di 32 e 54 anni – a bordo di una terza auto che viaggiava immediatamente dopo le due protagoniste dello scontro. I due sono riusciti a frenare, venendo però tamponati dalla stessa vettura che ha investito le due donne, una Volkswagen Passat guidata da un 54enne. A quanto pare, assistendo alla scena, avrebbero gridato alle due donne di risalire in macchina, notando il pericolo a cui erano esposte.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torino, primo stop per la casa delle bambole hot (da 80 euro per 30 minuti): blitz di polizia e ufficio igiene

prev
Articolo Successivo

Incidente Pollino, sette indagati per i 10 morti alla Gole del Raganello: omicidio colposo. Sotto inchiesta 3 sindaci

next