“Nei prossimi giorni presenteremo un esposto per danno erariale alla Corte dei Conti. Il nostro obiettivo è che tutti i ministri che hanno autorizzato, chiudendo gli occhi, questa gestione da parte di Autostrade paghino di tasca propria”. Lo annuncia a In Onda (La7) il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, che commenta anche il piccolo incidente dell’ad di Autostrade per l’Italia, Giovanni Castellucci, il quale ieri, al termine della conferenza stampa di presentazione del progetto di Renzo Piano per un nuovo viadotto sul Polcevera, ha rotto inavvertitamente il plastico del progetto: “Quello lì che ha fatto cadere il plastico è indagato per omicidio colposo. Questi signori qui devono metterci i soldi ma non devono toccare nulla della ricostruzione. L’ho già detto: il ponte va ricostruito da un’azienda di Stato come Fincantieri. Se Autostrade ci mette i soldi, fa la metà del suo dovere. Ho promesso anche alla famiglia di una delle persone morte che non faremo mai ricostruire il ponte Morandi da Autostrade. Loro ci mettono i soldi, noi lo ricostruiamo con le aziende di Stato. Figuriamoci se faccio costruire il ponte a chi lo ha fatto cadere”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Di Maio: “Salvini? Bisogna rispettare la magistratura ma sulla Diciotti rivendichiamo nostre decisioni”

prev
Articolo Successivo

Migranti, Salvini: “Non sono sopra la legge. Aspetto con curiosità le sentenze dei giudici”

next