Giornata di forti disagi nei collegamenti ferroviari da e per Roma, a causa del maltempo che si è abbattuto nel mattino sull’Italia centrale. Ritardi fino a 200 minuti sull’Alta velocità Roma-Firenze, interrotta dalle 16 per un guasto alla linea elettrica di alimentazione fra Settebagni e Capena. A bordo del Frecciarossa 9540 partito da Napoli e diretto a Torino, rimasto fermo per ore tra Tiburtina Settebagni, alle porte della Capitale, c’era anche il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. “Dovevamo arrivare a Firenze alle 16:51 ma siamo fermi da ore – ha raccontato il governatore a telefono intorno alle 20 – hanno anche aperto le porte, qualcuno è sceso e si è incamminato nelle campagne”. “Mi pare ci sia una certa improvvisazione nel tentare di risolvere la situazione”, ha dichiarato Rossi. E su Twitter si moltiplicano gli interventi di passeggeri indignati.

Ripercussioni anche sulla linea che va da Orte Fiumicino, con cancellazioni e limitazioni di percorso. Già dalla prima prima mattinata  la circolazione risultava sospesa tra Ciampino e Velletri, per un problema agli impianti di circolazione. Nel tempo necessario a riparare il guasto, è stato attivato da Trenitalia un servizio di autobus sostitutivi. Situazione difficile anche sulla Roma-Napoli via Formia, dovuta a un guasto tra Cisterna di Latina e Pomezia. In questo caso, la circolazione è tornata gradualmente alla normalità nel primo pomeriggio.

Nemmeno l’Alta velocità è stata risparmiata: sempre sulla Roma-Napoli, a causa di un inconveniente alla linea elettrica di alimentazione tra Salone e Roma Prenestina, i convogli in viaggio hanno registrato forti ritardi fino a sessanta minuti a partire dalle 14.40 di questo pomeriggio. Solo attorno alle 17, dopo l’intervento dei tecnici della Rete Ferroviaria Italiana, la situazione ha iniziato a tornare progressivamente alla normalità.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Scippo di Stato

di Daniele Martini 12€ Acquista
Articolo Successivo

Emergency, a Trento al via l’incontro nazionale dal titolo “#diguerraedipace”. Segui la diretta

next