Giornata di forti disagi nei collegamenti ferroviari da e per Roma, a causa del maltempo che si è abbattuto nel mattino sull’Italia centrale. Ritardi fino a 200 minuti sull’Alta velocità Roma-Firenze, interrotta dalle 16 per un guasto alla linea elettrica di alimentazione fra Settebagni e Capena. A bordo del Frecciarossa 9540 partito da Napoli e diretto a Torino, rimasto fermo per ore tra Tiburtina Settebagni, alle porte della Capitale, c’era anche il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi. “Dovevamo arrivare a Firenze alle 16:51 ma siamo fermi da ore – ha raccontato il governatore a telefono intorno alle 20 – hanno anche aperto le porte, qualcuno è sceso e si è incamminato nelle campagne”. “Mi pare ci sia una certa improvvisazione nel tentare di risolvere la situazione”, ha dichiarato Rossi. E su Twitter si moltiplicano gli interventi di passeggeri indignati.

Ripercussioni anche sulla linea che va da Orte Fiumicino, con cancellazioni e limitazioni di percorso. Già dalla prima prima mattinata  la circolazione risultava sospesa tra Ciampino e Velletri, per un problema agli impianti di circolazione. Nel tempo necessario a riparare il guasto, è stato attivato da Trenitalia un servizio di autobus sostitutivi. Situazione difficile anche sulla Roma-Napoli via Formia, dovuta a un guasto tra Cisterna di Latina e Pomezia. In questo caso, la circolazione è tornata gradualmente alla normalità nel primo pomeriggio.

Nemmeno l’Alta velocità è stata risparmiata: sempre sulla Roma-Napoli, a causa di un inconveniente alla linea elettrica di alimentazione tra Salone e Roma Prenestina, i convogli in viaggio hanno registrato forti ritardi fino a sessanta minuti a partire dalle 14.40 di questo pomeriggio. Solo attorno alle 17, dopo l’intervento dei tecnici della Rete Ferroviaria Italiana, la situazione ha iniziato a tornare progressivamente alla normalità.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Termini, treni in ritardo e una scena da guerriglia

prev
Articolo Successivo

Emergency, a Trento al via l’incontro nazionale dal titolo “#diguerraedipace”. Segui la diretta

next