“Sono state 18 ore di trattativa in cui i protagonisti sono stati ovviamente i rappresentanti dei lavoratori, in cui si è cercato di raggiungere il miglior risultato possibile nelle peggiori condizioni possibili”. Così il vicepremier e ministro Luigi Di Maio arrivando al Mise, in merito all’accordo raggiunto sul dossier Ilva. In attesa delle firme ufficiali, Di Maio ha rivendicato: “Possiamo dire che non ci saranno esuberi e non ci sarà il Jobs Act nell’azienda, tutti riceveranno una proposta da ArcelorMittal. Ma non dire gatto se non ce l’hai nel sacco, adesso aspettiamo la firma”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Ilva, Re David (Fiom): “Accordo raggiunto, ora referendum lavoratori. Di Maio? Ha avuto un ruolo importante”

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, Usb Vigili del fuoco: “Non bastano pacche sulle spalle, investire in soccorso e prevenzione”

next