“Se i giudici accogliessero la nostra linea procederemo con il sequestro fino a quando ci saranno soldi disponibili sui conti della Lega ma se viene creato un nuovo partito non potremmo aggredire i versamenti futuri“. Lo dice il procuratore di Genova, Francesco Cozzi, in una intervista al Corriere della Sera. Il riferimento è per quanto dichiarato da Giancarlo Giorgetti a Peter Gomez. “Se il tribunale del Riesame conferma la condanna, il 6 settembre il partito chiude”, ha detto il sottosegretario.

Cozzi, però, spiega come non è scontato che, anche di fronte a un ok del Riesame, i fondi saranno sequestrati subito: “No, tutt’altro – dice -anche perché la giurisprudenza sul punto non è uniforme. E prevale l’indirizzo che occorra attendere la decisione della nuova Corte Suprema nel caso di sequestri preventivi finalizzati alla confisca, cioè quello di cui parliamo. Bisogna anche tener conto – aggiunge – che è in corso un processo d’appello (quello a Umberto Bossi e il tesoriere Francesco Belsito rispetto al quale è nato il sequestro, ndr) che potrebbe portare a un’assoluzione, sentenza che farebbe cadere il sequestro“. Alla domanda se quindi la Lega non chiuda la prossima settimana, il pm risponde: “Direi di no“.

Gli eventuali sequestri potranno aggredire i conti periferici del partito? “Sì – spiega Cozzi -, se dovesse essere accolto il principio della Cassazione si andrà a sequestrare tutto quello che è riferibile alla Lega. In proposito c’è stata di recente una sentenza che ha considerato il patrimonio della Lega Toscana riconducibile a quello della Lega nazionale. C’erano le prove dei versamenti dai conti centrali a quelli regionali. Comunque, bisognerà valutare caso per caso”.

“Di fronte a un nuovo soggetto giuridico completamente autonomo – afferma invece -, non potremmo fare nulla rispetto ai versamenti futuri. Anche se il neonato partito è erede del precedente dal punto di vista ideologico e politico. Bisogna sempre valutare la continuità giuridica per procedere e in questo caso salterebbe”.
L’inchiesta per riciclaggio dei fondi della Lega, fa sapere anche il pm, “va avanti ma non dico altro. Ricordo solo che questa indagine è nata da una denuncia e dunque come atto dovuto. E non da una cattiveria della Procura”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ponte Morandi, nuove acquisizioni: squadra Mobile Genova in uffici Cesi

next
Articolo Successivo

Anticorruzione, gli infiltrati entreranno negli uffici pubblici. Battaglia su Daspo: “Forzatura? O passa così o si va al voto”

next