Il più sfortunato è stato sicuramente il Napoli: nelle urne del Grimaldi Forum di Montecarlo ha pescato il Paris Saint Germain e il Liverpool. Per la squadra di Carlo Ancelotti nel girone C gli incroci con le stelle parigine e l’ultima finalista: la prima fase della Champions League 2018-2019 comincia malissimo. Va sicuramente un po’ meglio alla Juventus che trova il Manchester United di Mourinho (alle prese con un inizio di stagione deprimente), poi Valencia e Young Boys. La Roma avrà l’incrocio con i campioni d’Europa in carica del Real Madrid, ma nel girone G il secondo posto è abbordabile: le contendenti sono Cska Mosca e Viktoria Plzen. Molto più dura per l’Inter: era inevitabile vista la quarta fascia di partenza. I nerazzurri sono finiti nel gruppo B di Barcellona, Tottenham e Psv Eindhoven: sulla carta sono gli inglesi la vera avversaria per il passaggio del turno.

Sono questi i gironi che interessano l’Italia, tornata a schierare quattro squadre in Champions League grazie alla nuova formula che premia le prime 4 nazioni per ranking Uefa (Spagna, Inghilterra, Italia e Germania). I sorteggi con cui parte la corsa alla finale in programma il primo giugno al Wanda Metropolitano di Madrid potevano essere sicuramente più teneri con i club nostrani, ma a parte il gruppo D, nessun girone è privo di big europee.

TUTTI I GIRONI
A: Atletico Madrid, Borussia Dortmund, Monaco, Club Brugge.
B: Barcellona, Tottenham Hotspur, Psv Eindhoven, Inter.
C:
Paris Saint Germain, Napoli, Liverpool, Stella Rossa.
D: 
Lokomotiv Mosca, Porto, Schalke 04, Galatasaray.
E:
Bayern Monaco, Benfica, Ajax, Aek.
F:
Manchester City, Shakhtar Donetsk, Lione, Hoffenheim.
G:
Real Madrid, Roma, Cska Mosca, Viktoria Plzen.
H: Juventus
, Manchester United, Valencia, Young Boys.

La novità orari e le date – La Champions più ricca di sempre (distribuirà 1,95 miliardi ai 32 club partecipanti) avrà la grande novità degli orari: ogni giornata due partite alle 18:55, le altre sei alle 21. Si comincia il 18 e il 19 settembre, poi le altre partite dei gironi il 2 e 3 ottobre, 23 e 24 ottobre, 6 e 7 novembre, 27 e 28 novembre e 11 e 12 dicembre. Gli ottavi di finale sono in programma il 12, 13, 19 e 20 febbraio, il 5, 6, 12 e 13 marzo. L’andata dei quarti è fissata per il 9 e 10 aprile, con ritorno il 16 e 17 aprile. Le semifinali si giocheranno nella due giorni tra il 30 aprile e l’1 maggio mentre il ritorno si giocherà il 7 e l’8 maggio. Poi la finalissima nello stadio dell’Atletico il primo giugno.

I premi – All’inizio del gala al Grimaldi Forum il presidente dell’Uefa Aleksander Ceferin ha consegnato a David Beckham il Premio del Presidente per la sua carriera. Nessun riconoscimento invece per l’unico italiano presente, Gianluigi Buffon, che nella categoria portieri è stato battuto da Keylor Navas. A Luka Modric è andato invece il premio come miglior giocatore della scorsa edizione, vinta con il suo Real Madrid: motivo dell’assenza dalla cerimonia di Cristiano Ronaldo.

LA DIRETTA
19.09 – Modric vince anche il premio come miglior giocatore della stagione

18.56 – Cristiano Ronaldo vince il premio come miglior attaccante, ma è assente

18.48 – Luka Modric vince il premio come miglior centrocampista

18.36 – Consegnato a Sergio Ramos il premio come miglior difensore

18.35 – Finita l’estrazione della prima fascia

18.24 – Fa discutere l’assenza di Cristiano Ronaldo: ancora non si è presentato al Forum

18.21 – Keylor Navas vince il premio come miglior portiere, battuti Buffon e Alisson

18.18 – Entrano Kakà e Diego Forlan, saranno loro a pescare nelle urne

18.15 – Consegnato a David Beckham il Premio del Presidente

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Champions League, gli errori di Karius “colpa di una commozione cerebrale” provocata da scontro con Sergio Ramos

prev
Articolo Successivo

Manchester United-Juventus: 0-1. I bianconeri sbancano l’Old Trafford, Mourinho surclassato

next