“Le parole di papa Bergoglio sono gravi soprattutto perché dette in un momento drammatico della Chiesa che dimostra come il clero ha spesso abusato e approfittato delle bambine e dei bambini”. Così Imma Battaglia, leader del movimento Lgbt in Italia, sulle parole di papa Francesco che durante la conferenza stampa sull’aereo di ritorno da Dublino (trasmessa integralmente da Tv2000), rispondendo a un giornalista che gli chiedeva cosa consigliare a un genitore che scopre di avere un figlio gay, ha detto: “In quale età si manifesta questa inquietudine del figlio? E’ importante. Una cosa è quando si manifesta da bambino, ci sono tante cose da fare con la psichiatria. Altra cosa è quando si manifesta dopo venti anni”.

“Questa dichiarazione è lo specchio di una chiesa stordita, confusa dalla crisi che sta affrontando. Chiedere scusa non è sufficiente”, sottolinea Battaglia che aggiunge: “E’ anacronistico e dimostrato dalla psichiatria internazionale che se un figlio è gay, è gay e basta, inutile affidarlo a una struttura che vuole indagare il suo comportamento”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, Papa Francesco ha visto i filmati delle torture in Libia: “Mandarli indietro? Ci si deve pensare bene”

next
Articolo Successivo

Martina Dell’Ombra indaga le conoscenze degli italiani sul Covid con il quiz ‘chi vuol essere Dpcm’

next