“E tu, quanto ti senti dipendente dal tuo smartphone?”.Ora che l’uso compulsivo dell’internet mobile è entrato nel novero delle dipendenze patologiche – tanto che per definire la paura di rimanere disconnessi è stato coniato un nuovo termine: “nomofobia” – abbiamo rivolto questa domanda ai passanti per le strade di Milano. Molti giovani lo ammettono: “non potrei vivere senza smartphone, devo averlo sotto mano 24 ore al giorno”. Alcuni di loro vanno oltre: “mi serve per rimanere in contatto con il mio mondo, vorrei smettere ma non ce la faccio, come se fosse una droga”. Tra gli adulti le posizioni sono più articolate. “Dovrei privarmene per qualche giorno per capire il mio livello di dipendenza, ma non succede mai”. “Sono strumenti ormai indispensabili, ma distraggono e possono far perdere molto tempo”. “Uso molto smartphone e social, senza problemi, tutto dipende dall’equilibrio psicologico della persona”. Non manca chi esprime una critica radicale: “siamo di fronte a una grave malattia sociale, che ci porta via da noi stessi, fa leva sulle nostre fragilità”. E voi come la pensate? Quanto vi sentite dipendenti dal vostro smartphone?
Di Piero Ricca e Alessandro Sarcinelli
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

‘Ma levati, brutto s…’, quell’insulto a un venditore di rose mi ha fatto riflettere

prev
Articolo Successivo

Relazioni, a metterci in crisi sono le opportunità

next