Un fulmine è caduto tra i bagnanti su una spiaggia tra Porto Cesareo e Torre Lapillo, in Salento, nel pomeriggio di oggi. Secondo le prime informazioni i feriti a causa del lampo sono 5, di cui un 13enne senegalese gravi condizioni. Il gruppo di ragazzi sta giocando vicino alla battigia quando è stato preso dal lampo. L’adolescente è il più grave ed è stato condotto in codice rosso all’ospedale Vito Fazi dove è stato sottoposto all’esame della Tac e, condotto in rianimazione è stato intubato. Altre due persone sono state ricoverate in codice giallo. Al momento dell’incidente non pioveva, ma in lontananza si avvertivano i primi tuoni. Sul posto sono intervenuti anche i militari della Capitaneria di Porto.

Secondo la stampa locale la saetta è caduta tra i lidi “Le Dune” e “Tabù” lungo la costa Jonica intorno alle 14.00. Ad essere colpiti, un gruppo di ragazzi senegalesi che giocavano a calcetto su un tratto di spiaggia libera tra i due lidi. Dei cinque coinvolti ad avere la peggio sono stati un 17enne senegalese un 29enne italiano che si trovava vicino ai ragazzi quando il fulmine si è abbattuto sulla spiaggia. Il più grave è il 13enne, intubato e in rianimazione al Vito Fazzi di Lecce. L’adolescente è andato in arresto cardiaco dopo la scarica ed è stato rianimato grazie al pronto intervento del bagnino de “Le Dune”, accorso col defibrillatore, e da alcuni infermieri liberi dal servizio che si trovavano nello stabilimento balneare. Anche per il 29enne e il 17enne si è reso necessario il trasporto in ospedale in codice giallo per disturbi alla sensibilità degli arti, cefalea e iniziale perdita di coscienza. Mentre gli altri due ragazzini – sembra siano tutti venditori ambulanti – sono stati soccorsi sul posto dai sanitari del 118 ma hanno rifiutato il ricovero.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Palagiustizia Bari, si rompe un tubo: allagato il tribunale civile. Fascicoli bagnati e computer in corto circuito

next
Articolo Successivo

Diciotti, Conte: “Nelle prossime ore tutti i migranti a terra. Poi saranno accolti da Albania, Irlanda e Cei”

next