Il Ponte Vespucci di Firenze è da tempo sotto osservazione. È stato progettato dall’ingegnere Riccardo Morandi, lo stesso progettista del viadotto crollato a Genova. Nell’ambito di una ricerca realizzata dall’Università di Firenze è emerso che i pali che reggono il pilone sinistro risultano scalzati e quindi vulnerabili. “Abbiamo segnalato la chiusura del ponte come misura cautelativa”, dichiara Enio Paris, professore ordinario di idraulica dell’Università di Firenze, “poi il Comune ha fatto altre prove statiche e dinamiche e prenderà la sua decisione”.

“Questo ponte è stato analizzato sotto vari aspetti negli ultimi anni e un soggetto esterno all’amministrazione comunale ne ha certificato l’idoneità statica per mezzi inferiori a 40 tonnellate. La prossima settimana inizieranno i lavori di consolidamento” spiega Giacomo Parenti, direttore del comune di Firenze. “Attueremo un sistema di monitoraggio per prevenire e controllare anche i piccoli spostamenti del ponte”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Diciotti, Bruxelles: “No ai ricollocamenti dei migranti”. Conte: “Ipocriti”. Di Maio e Salvini: “Pronti a tagliare i fondi Ue”

next