Il Ponte Vespucci di Firenze è da tempo sotto osservazione. È stato progettato dall’ingegnere Riccardo Morandi, lo stesso progettista del viadotto crollato a Genova. Nell’ambito di una ricerca realizzata dall’Università di Firenze è emerso che i pali che reggono il pilone sinistro risultano scalzati e quindi vulnerabili. “Abbiamo segnalato la chiusura del ponte come misura cautelativa”, dichiara Enio Paris, professore ordinario di idraulica dell’Università di Firenze, “poi il Comune ha fatto altre prove statiche e dinamiche e prenderà la sua decisione”.

“Questo ponte è stato analizzato sotto vari aspetti negli ultimi anni e un soggetto esterno all’amministrazione comunale ne ha certificato l’idoneità statica per mezzi inferiori a 40 tonnellate. La prossima settimana inizieranno i lavori di consolidamento” spiega Giacomo Parenti, direttore del comune di Firenze. “Attueremo un sistema di monitoraggio per prevenire e controllare anche i piccoli spostamenti del ponte”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Diciotti, Bruxelles: “No ai ricollocamenti dei migranti”. Conte: “Ipocriti”. Di Maio e Salvini: “Pronti a tagliare i fondi Ue”

next