Il vicepremier Luigi Di Maio si è recato in visita ad Amatrice dove ha preso parte alla messa in ricordo delle vittime del sisma del 24 agosto 2016. “I cittadini chiedono, prima di tutto, un costante rapporto con il governo che non si può avere attraverso un commissario, quindi il nostro primo impegno è stare tra di loro, seriamente, parlare con loro costantemente, non solo con i sindaci, che sono il primo baluardo sul territorio, con un continuo rapporto umano con loro. Queste persone chiedono di comprendere la loro sofferenza che non si è per niente attenuata”.

“Il nostro obiettivo come governo è cercare di mettere insieme le buone pratiche di ogni emergenza che c’è stata negli ultimi decenni e fare in modo di creare una struttura coordinata che consenta a quelle buone pratiche di essere applicate ovunque”. Ha aggiunto il vicepremier. “Fermo restando – ha aggiunto – che ogni terremoto ha una sua storia, un suo territorio e un suo modello da applicare”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Diciotti, ci stiamo coprendo di ridicolo e vergogna. E lo stiamo facendo per soddisfare Salvini

prev
Articolo Successivo

L’ambasciatrice di Malta sbertuccia Salvini: “Guarda bene la mappa: fra noi e il Nord Africa il buon Dio ha messo l’Italia”

next