È il giorno del più grande sciopero nella storia di Ryanair: cancellati 400 voli, un sesto dei 2.400 previsti, per l’astensione dal lavoro dei piloti in Germania, Svezia, Irlanda e Belgio. A partecipare allo sciopero è stata anche l’Olanda dove sono stati cancellati circa 22 voli. I più colpiti sono i passeggeri in partenza dagli aeroporti tedeschi, dove sono stati cancellati 250 voli, mentre in totale rimarranno a terra circa 55 mila passeggeri a cui la compagnia aerea low cost offre l’opzione di riprogrammare la propria tratta o di avere un rimborso. Ryanair assicura che tutti gli altri voli verranno effettuati senza intoppi.

Il personale navigante chiede nuovi contratti con aumenti retribuzioni e migliori condizioni d’impiego dopo che la compagnia ha riconosciuto le organizzazioni dei piloti circa da un anno. Ma l’agitazione dei dipendenti è continuata e solo il mese scorso a scioperare per due giorni erano stati gli assistenti di volo in Portogallo, Spagna e Belgio giorni causando la cancellazione di 600 voli.

Il prossimo 27 agosto invece inizierà una no-stop di tre giorni per gettare le basi che definiranno un unico contratto degli assistenti di volo basati in Italia che lavorano per Ryanair e le agenzie di reclutamento Crewlink e Workforce. Tra le richieste dei tre sindacati c’è anche “l’obiettivo di diminuire i lavoratori assunti tramite le agenzie e aumentare di conseguenza quelli alle dipendenze dirette di Ryanair”.

“Siamo estremamente dispiaciuti per i passeggeri che saranno colpiti. La responsabilità è del management di Ryanair – ha detto il presidente del sindacato tedesco Cockpit, Martin Locher – non vediamo da parte di Ryanair la volontà di impegnarsi in una vera contrattazione salariale”.

Il chief marketing officer di Ryanair, Kenny Jacobs, durante una conferenza stampa a Francoforte ha invece affermato che i piloti tedeschi hanno goduto di “eccellenti condizioni di lavoro” con uno stipendio medio di circa 150.000 euro l’anno, più dei loro colleghi della rivale low cost Eurowings.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aosta, adescavano minori online per farli prostituire: 3 arresti. “Pagavano tra i 50 e i 200 euro per i rapporti sessuali”

prev
Articolo Successivo

Roma, il Comune progetta musica e film al cimitero Verano. Ma lo lascia nell’abbandono

next