Con minacce di morte lo avevano costretto ad abbandonare la sua casa popolare, ma oggi l’uomo ne ritorna in possesso. Riconsegnato al legittimo assegnatario un alloggio Ater in zona Pietralata, alla periferia di Roma, di cui si erano indebitamente appropriati appartenenti alla famiglia Casamonica e sequestrato dai carabinieri lo scorso luglio nel corso della maxi operazione “Gramigna”. Il direttore dell’Azienda territoriale per l’edilizia residenziale Andrea Napoletano e l’Assessore alle Politiche abitative della Regione Lazio, Massimiliano Valeriani, hanno restituito l’immobile al legittimo assegnatario alla presenza del Tenente Colonnello Stefano Cotugno Comandante del Gruppo Carabinieri di Frascati. A quanto ricostruito dagli inquirenti, l’abitazione era stata estorta all’uomo dai Casamonica per un presunto debito non restituito da parte del figlio adottivo di quest’ultimo, morto una decina di anni fa in seguito a una lite. L’uomo, 74 anni, rimasto senza casa, si era poi ritrovato a dormire in una sorta di garage nel sottoscala di un immobile nello stesso quartiere

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, il Comune progetta musica e film al cimitero Verano. Ma lo lascia nell’abbandono

prev
Articolo Successivo

Biblioteca nazionale Firenze: 9 milioni di testi, zero archivisti. L’istituto trascurato dalla politica (e dove a volte pure piove)

next