Luglio e agosto sono i mesi per eccellenza in cui il timore di “visite indesiderate” preoccupa di più gli italiani: addirittura 6 su 10, secondo gli ultimi dati Istat, partono per le vacanze con l’angoscia di ritrovarsi la casa svaligiata al proprio ritorno. Non certo il modo migliore per godersi il meritato riposo estivo. Per questo motivo, come ha recentemente messo in luce un’analisi di Immobiliare.it, sia la vendita che la locazione di appartamenti a prova di ladro risultano particolarmente veloci e remunerative.

La domanda di case sicure supera l’offerta

Le abitazioni dotate di sistemi di sicurezza valgono il 7% in più in caso di vendita e addirittura il 21% in più in caso di affitto, quindi è senza dubbio conveniente per i proprietari investire in questo senso, a maggiore ragione considerando gli incentivi fiscali messi a disposizione dallo Stato per chi installa porte blindate o allarmi. Tuttavia, il patrimonio immobiliare non soddisfa pienamente questa esigenza, almeno quello presente sul mercato: solo il 33% delle case è dotato di porta blindata, il 15% di videocitofono, il 10% di un impianto di allarme e appena il 2,9% di una portineria, che nella percezione degli italiani rappresenta ancora una fonte di sicurezza molto importante.

In Lombardia le abitazioni più attrezzate

Analizzando l’offerta di case in vendita e in affitto emerge che la regione in grado di soddisfare meglio la richiesta di sicurezza è la Lombardia, dove il 47% degli annunci indica la presenza di una porta blindata, il 20% di un impianto di allarme e l’11% di una portineria per l’intera giornata. Le altre regioni più sensibili a questo tema sono Lazio (46% di abitazioni dotate di porta blindata), Piemonte (43% di porta blindata e 15% di allarme), Veneto (15% di allarme). Considerando invece la presenza di una portineria per l’intera giornata, subito dopo la Lombardia troviamo Lazio e Campania, dove la percentuale è di poco inferiore al 10%.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Residenziale: persistono le differenze tra Nord e Sud Italia

prev
Articolo Successivo

Emilia Romagna: segno più per il mercato immobiliare

next