È stato spento l’incendio provocato dall’incidente fra un’autocisterna che trasportava gpl e alcune auto. I vigili del fuoco stanno raffreddando l’area per rendere più fattibili gli interventi. Sono rimasti a lavoro soprattutto le unità cinofile e gli operatori ‘Usar’, ovvero i soccorritori che si occupano di ricerca e salvataggio in ambienti urbani. L’obiettivo, a quasi tre ore dall’incidente, è capire se ci sono altre vittime.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Incendio tangenziale Bologna, autocisterna esplode dopo tamponamento: 2 morti e oltre 50 feriti. Crolla un ponte

prev
Articolo Successivo

Bologna, incidente in tangenziale: l’esplosione ripresa da una terrazza. Urla e persone in fuga

next