Fecero irruzione nel centro di accoglienza di Sulmona, in provincia dell’Aquila, minacciando i migranti con una pistola scacciacani e finendo per accoltellare un ragazzo originario del Gambia. Il fatto risale al 12 giugno scorso, e oggi i due responsabili del blitz sono stati arrestati. Si tratta di Serafino Di Lorenzo, di 39 anni, e del 45enne toscano Nicola Spagnoletti. Per loro l’accusa è tentato omicidio aggravato nei confronti di un cittadino straniero. La Procura infatti, al termine delle indagini, ha contestato l’aggravante della discriminazione e odio razziale, che sarebbe emersa analizzando alcuni post pubblicati successivamente su Facebook da uno degli arrestati.

La sera del 12 giugno scorso i due salirono al terzo piano del centro di accoglienza di corso Ovidio, dove sono ospitati 27 migranti, minacciando gli ospiti con una pistola scacciacani e un coltello di piccole dimensioni. Gli immigrati reagirono, sentendosi in pericolo e nel corso dei momenti concitati della discussione un ventitreenne proveniente dal Gambia, venne colpito con un coltello al fianco sinistro. In uno dei video registrati durante l’irruzione si sente Di Lorenzo pronunciare la frase “Mo questi qua li uccido uno a uno“. Nelle immagini compare anche il coltello usato per ferire il migrante e la pistola scacciacani. I provvedimento è stato firmato dal gip dell’Aquila Marco Billi, su richiesta del pm Stefano Iafolla. I due, uno dei quali pregiudicato per diversi reati, anche di natura violenta, si trovano ora in carcere a Sulmona

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Legionella, salgono a quattro le vittime a Bresso, 52 le persone infette. Task force al lavoro sulla fonte del contagio

prev
Articolo Successivo

Torino, bambina di dieci anni ricoverata per denutrizione: i genitori la portano via contro il parere medico

next