È morto mentre riprendeva con il proprio cellulare un amico in sella a uno scooter. Così è finito un “gioco” tra gli adolescenti in provincia di Terni. Un diciassettenne ha perso la vita mentre l’amico, 16 anni, si trova in ospedale con ferite lievi, ma sotto choc. Secondo la ricostruzione dei carabinieri i due ragazzi si erano ritrovati intorno alle 21.30 di venerdì in compagnia di altri coetanei: il giovane si sarebbe sdraiato sulla carreggiata per riprendere l’amico, ma è stato travolto. I presenti hanno chiamato subito i soccorsi, ma ogni tentativo di rianimazione è risultato vano. L’altro ragazzo è stato scaraventato a terra dopo l’urto e trasferito all’ospedale Santa Maria di Terni.

I tre ragazzi testimoni, tra i sedici e i diciassette anni, raccontato quanto era accaduto alle forze dell’ordine che hanno ritenuto la loro versione dei fatti “chiara e attendibile”. Non si sa ancora invece se fosse la prima volta che il gruppo si riuniva per riprendere. Oltre allo scooter, i militari hanno sequestrato anche il cellulare della vittima, consegnato al pm Flaminio Monteleone della procura per i minorenni di Perugia che con ogni probabilità disporrà una perizia per verificare l’esistenza del video. Come atto dovuto è stato aperto un fascicolo con l’accusa di omicidio colposo a carico del sedicenne con cui la vittima aveva trascorso le vacanze estive.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mantova, petizione di cittadini ferma il rimpatrio di un immigrato e il sindaco leghista dà parere favorevole

prev
Articolo Successivo

Lazio-Spal, la violenza non conosce ferie: scontri tra tifoserie prima dell’amichevole ad Auronzo di Cadore

next