Secondo l’ultimo Osservatorio curato da Immobiliare.it, nel Nord Italia i prezzi del mercato immobiliare continuano la loro graduale ascesa, sia sul fronte dell’affitto che su quello della vendita, confermando così un periodo sostanzialmente positivo.

Se il mercato dell’Italia settentrionale è in crescita, in Veneto si sta assistendo a una vera e propria impennata dei prezzi degli affitti: infatti 5 dei 10 capoluoghi di provincia che hanno registrato una maggiore crescita nel Nord sono proprio veneti.

Belluno e Verona in testa alla classifica

Tra i capoluoghi che hanno evidenziato una più grande crescita del costo dell’affitto, a spiccare sono Belluno e Verona, che nell’ultimo semestre registrano un aumento del 6% raggiungendo rispettivamente 6,20 e 9,84 euro al metro quadro.
Ma aumenti importanti sono stati evidenziati anche a Venezia (+5%), Rovigo (+4%) e Vicenza (+3%). Con i suoi 11,89 euro al mq, Venezia resta comunque la città più ambita della regione in tema di locazioni. Per affittare un bilocale di 65 mq a Venezia servono mediamente 775 euro, contro una media regionale pari a 530 euro (8,18 euro al mq).

Bene anche le vendite

Per il Veneto risultati più che positivi anche per le vendite: tra le 10 città del Nord nelle quali i prezzi delle case hanno subito un maggiore incremento negli ultimi sei mesi troviamo sia Verona (+3%) che Venezia (+2%).
Il costo degli immobili a Verona ha raggiunto la cifra di 1.806 euro al mq, mentre a Venezia si sono superati i 2.860 euro: mediamente per acquistare un bilocale di 65 mq nella Serenissima occorrono oggi più di 185.000 euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il prezzo degli affitti è ancora fermo nel Centro Italia

next
Articolo Successivo

Residenziale: persistono le differenze tra Nord e Sud Italia

next