Il fondo sovrano del governo di Dubai ha acquisito il 25% di Corporation America Italia, la società che tramite Toscana Aeroporti gestisce gli scali di Firenze e Pisa. L’investimento è avvenuto attraverso Mataar Holdings 2, una società indirettamente controllata da Investment Corporation of Dubai, che ha raggiunto un accordo con Dicasa Spain, il socio unico della Corporacion America Italia del magnate argentino Eduardo Eurnekian. Toscana aeroporti è presieduta da Marco Carrai, l’imprenditore amico dell’ex premier Matteo Renzi. Carrai è stato anche presidente della FondazioneOpen (ex fondazione Big Bang) che ha gestito le campagne elettorali di Renzi.

L’accordo sottoscritto da Corporacion America Airports Sa e Investment Corporation of Dubai, si legge in una nota pubblicata dalle società, è finalizzato “a mettere in comune le rispettive competenze per eventuali future acquisizioni, in via principale, nel settore delle infrastrutture aeroportuali in Italia, Europa Orientale (esclusa la Russia) e Medio Oriente”.

Nel 2014 si scoprì che era Carrai a pagare l’affitto della casa dell’ex premier in via degli Alfani 8, vicino a Palazzo Vecchio. La Procura di Firenze aveva aperto un fascicolo per quei 900 euro al mese che Carrai aveva pagato per quasi tre anni, per un legame, quello tra i due, che è cresciuto seguendo l’evolversi della carriera politica del senatore Pd.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ferrovie dello Stato, Mazzoncini: “Lascio perché il governo applica spoil system. In questi 3 anni i bilanci migliori di sempre”

prev
Articolo Successivo

Disuguaglianze, “nel 2017 in Italia 394mila milionari: il 19% in più rispetto all’anno prima”

next