Le due donne incinte presenti a bordo della nave Sarost 5, bloccata da oltre due settimane nel Mediterraneo, rischiano di perdere i bambini che portano in grembo se non saranno sbarcate. A lanciare l’allarme è l’ong WatchTheMed Alarmphone, dopo che la Mezza Luna Tunisina, corrispondente alla nostra Croce Rossa, ha raggiunto il vascello e visitato le due donne. “Hanno bisogno di soccorso medico immediato. È urgente inoltre trovare un porto sicuro dove poter accogliere l’intero gruppo”, scrive l’organizzazione sul suo profilo Facebook, “sono passate 2 settimane e nulla è cambiato per le persone trattenute a bordo”. Una delle donne è incinta di sei mesi, l’altra invece di pochi mesi e sono tra i 40 migranti in attesa dell’ok allo sbarco da oltre due settimane.

L’odissea dei migranti è iniziata con la partenza dalle coste della Libia ed è proseguita con la rottura del motore del barcone su cui viaggiavano. L’imbarcazione è stata poi intercettata il 13 luglio nei pressi del giacimento offshore di Miskar operato dalla compagnia britannica BG. I migranti sono stati quindi trasportati sulla piattaforma petrolifera. In seguito la nave da rifornimento Sarost 5 li ha presi a bordo e ha fatto rotta su Sfax, in Tunisia, dopo il no di Italia, Malta e Francia. Le autorità locali, tuttavia, hanno negato il permesso di sbarcare. I migranti si trovano quindi in un limbo da oltre una settimana. Martedì scorso in aiuto dell’equipaggio e dei migranti che sono sulla Sarost 5, sono arrivate barche con cibo e medicine. Poi medici della Mezzaluna Rossa sono saliti a bordo, visitando i migranti e offrendo medicinali. Secondo la Mezzaluna Rossa tunisina, i migranti soccorsi hanno fra i 17 e 36 anni e vengono da Egitto, Bangladesh, Camerun, Senegal, Guinea, Costa d’avorio e Sierra leone.

Siamo malati, soffriamo, fisicamente e moralmente. Per favore aiutateci, abbiate pietà. Reagite velocemente perché soffriamo tanto”, ha detto una giovane donna a Radio Radicale. “Il morale a bordo è molto basso. Una delle due donne incinta ha preso medicinali senza mangiare, a stomaco vuoto, e sta molto male”: un’altra testimonianza riportata su Twitter da Scandura. Lunedì il capo della Mezzaluna Rossa di Medenine ha parlato all’agenzia di stampa tunisina Tap e ha avvertito: “Ci troviamo di fronte a un grande problema“.

 

Diventa sostenitore,
fai parte della redazione.
Abbiamo bisogno di te.

I nostri Sostenitori partecipano alle riunioni di redazione in diretta streaming, suggeriscono spunti e notizie, navigano il sito senza pubblicità, consultano gratuitamente l'archivio del giornale. Potranno inoltre accedere al numero di aprile di Fq Millennium e a Loft, la nostra piattaforma Tv, per 3 mesi. Hanno un blog dedicato per pubblicare le loro analisi. Insomma sono fondamentali per la nostra comunità. E in questo periodo di crisi lo sono anche per coprire economicamente parte del lavoro della nostra redazione. Diventa anche tu Sostenitore. Clicca qui. Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sgombero Camping river, il racconto degli abitanti rom: “Urla e spintoni. Ora non sappiamo dove andare”

next
Articolo Successivo

Sergio Marchionne, l’ospedale di Zurigo: “In cura da più di un anno”. Fca: “Non lo sapevamo”. La famiglia conferma: “Rispetto per la privacy”

next