“Una quarantena di oltre un mese per i bambini appena vaccinati”. Apriti cielo. Fa discutere la proposta di legge regionale presentata nel Lazio dai consiglieri Davide Barillari e Roberta Lombardi, che secondo alcuni sembra strizzare l’occhio alle teorie no-vax. In particolare, all’articolo 11 “Rapporto con le scuole e certificazione”, al comma 2, si afferma che “la scuola garantisce che sia rispettato il periodo di quarantena di 4-6 settimane per il soggetto appena vaccinato con virus attenuato, al fine di evitare contagi indotti dalle stesse, secondo il principio di precauzione”.

Insomma, se la legge venisse approvata – difficile vista l’opposizione ferma degli altri partiti in Consiglio regionale – i bambini appena vaccinati non potrebbero andare a scuola prima di almeno 40 giorni, dovendo rimanere a casa per tutto il periodo. Nessuna prescrizione, invece, per i bimbi non vaccinati: al comma 3 dello stesso articolo, si dice che “la scuola non entra nel merito della formazione delle classi in base alle certificazioni vaccinali dei soggetti, i quali vengono inseriti nelle stesse in base ad altri criteri non di tipo sanitario ma di tipo organizzativo, stabiliti dalla scuola stessa”. Tradotto: non vaccinati, no problem; (appena) vaccinati, quarantena.

Ma da dove nasce questa proposta? Quali sono le fonti mediche a supporto? Il M5S Lazio al momento non ha commentato. Ma a IlFattoQuotidiano.it è proprio Barillari, primo firmatario della legge, a spiegare che “le fonti sono mediche e scientifiche” e che “basta leggere sui bugiardini dei farmaci per trovare esattamente questa dicitura”. Dunque, “non abbiamo fatto altro che applicare le raccomandazioni mediche”. Andando a leggere sul foglietto illustrativo del Priorix Tetra, uno dei principali farmaci somministrati ai bambini fra gli 11 mesi e i 12 anni di età contro morbillo, parotite, rosolia e varicella, si legge che “una volta vaccinato, il suo bambino deve cercare di evitare per almeno 6 settimane dopo la vaccinazione, fin dove possibile, uno stretto contatto” con “individui con una ridotta resistenza alle malattie”, “donne in gravidanza che non hanno avuto la varicella” e “neonati da madri che non hanno avuto la varicella” o non ne siano state vaccinate.

È evidente che la dicitura “stretto contatto” contenuta nel foglietto non sia equivalente all’isolamento che la “quarantena” ipotizzata dalla legge presuppone. L’Organizzazione mondiale della Sanità spiega che l’eventualità che un soggetto appena vaccinato possa trasmettere il virus della varicella (a questo è limitato, come si legge anche sul bugiardino) a chi ne viene a contatto è “un evento raro” e che “globalmente sono stati segnalati solo 9 casi” in 30 anni di somministrazione del medicinale.

“Qui il problema sembra il vaccino e non il virus”, dice a IlFattoQuotidiano.it l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato. “Quella del M5S Lazio è una proposta antiscientifica e di stampo oscurantista. Sarebbe opportuno conoscere il parere del ministero della Salute” e che “la comunità scientifica facesse sentire la propria voce”. Su Facebook, nei giorni scorsi Barillari ha spiegato anche che il documento è nato da un “tavolo di lavoro” con associazioni come “Gnol, Auret, Assis, Comilva, Codacons, Corvelva, Sipnei, RIP Lazio, Lov e Moige”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marchionne e la politica italiana. “I governi hanno dato tanto senza chiedere nulla in cambio. Al contrario di Obama”

next
Articolo Successivo

Migranti, Toninelli: “Violazioni dei diritti nei centri in Libia? Preoccupati, in contatto con Unhcr e Oim”

next