La notizia è riporta dal britannico The Guardian che cita media olandesi. La somministrazione del sildenafil, ovvero il Viagra, a 93 donne durante la gravidanza, per favorire lo sviluppo dei feti. Una sperimentazione interrotta, stando al quotidiano britannico, per la morte prematura di 11 dei bambini nati al termine del trattamento.

I test sarebbero stati condotti in 10 ospedali, ad Amsterdam e in altre città, su donne con gravidanze in cui si segnalava un’insufficiente crescita dei feti. Una complicazione che il Viagra – nato come farmaco contro le disfunzioni erettili dell’uomo – si confidava potesse aiutare a risolvere migliorando l’irrorazione del sangue verso la placenta grazie al suo effetto dilatatore sui vasi, come verificato in una precedente sperimentazione sui topi. Salvo registrare conseguenze fatali sui polmoni di 11 dei neonati venuti al mondo dopo il trattamento, mentre 17 piccoli sono nati con problemi ai polmoni. Di qui la decisione, formalizzata nei giorni scorsi da un comitato indipendente di controllo olandese, d’interrompere tutti i test che osno iniziati nel 2015 e dovevano concludersi nel 2020.

In un’intervista al quotidiano olandese De Volkskrant, il responsabile della sperimentazione, il ginecologo Wessel Ganzevoort, ha spiegato che l’intenzione era quella di “dimostrare che questo è un modo efficace per aiutarela crescita del bambino. Ma è successo il contrario. Sono scioccato. L’ultima cosa che vuoi è danneggiare i pazienti”. Il medico ha anche dichiarato che è stata data comunicazione ai ricercatori canadesi che stanno conducendo uno studio simile. L’Academic Medical Center di Amsterdam tramite un portavoce ha fatto sapere che tutti gli “effetti avversi si sono verificati dopo la nascita. Sulla base di questi risultati, lo studio si è fermato immediatamente. Chi ha partecipato è stato contatto personalmente e sanno ormai se hanno preso il farmaco o il placebo “.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Incendi Grecia, le immagini dal paese che non c’è più: “Mati come Pompei, corpi carbonizzati e insediamento distrutto”

prev
Articolo Successivo

Incendi Grecia, il racconto dei superstiti: “Come Pompei, le fiamme ci bruciavano la schiena. Il mare l’unica via di fuga”

next