“Il 21 gennaio 1983, a soli 27 anni, il calciatore Enzo Scaini muore misteriosamente nella clinica Villa Bianca di Roma, circa un’ora dopo essere stato sottoposto a un intervento al ginocchio”. Quella che potrebbe sembrare la trama di un labirintico giallo è in realtà l’inizio di una storia in cui la vita si tinge di paradosso e tragedia. Dietro ai baffi di Poirot, infatti, questa volta non si celano i pensieri di Agatha Christie, ma le penne di due giornalisti: Giampiero De Andreis ed Emanuele Gatto. Non ero Paolo Rossi (Ed. Eraclea) è merito loro.

Antefatto – 14 aprile 2012, è un sabato anonimo di primavera. Allo Stadio Adriatico di Pescara il Livorno del presidente Aldo Spinelli affronta i padroni di casa del maestro Zdeněk Zeman nell’incontro valido per la 35esima giornata del campionato di Serie B quando, attorno alla mezz’ora di gioco, il centrocampista labronico Piermario Morosini si accascia a terra, senza più rialzarsi. Il mondo del calcio è sconvolto e si stringe attorno alla famiglia, preda di un dolore simile a quello rievocato pochi mesi fa dalla scomparsa di Davide Astori, capitano della Fiorentina. Sul web cominciano a rimbalzare messaggi di rabbia e cordoglio. Uno fra tutti rapisce l’attenzione dei nostri autori. Porta la firma di Rossella Biancini, vedova Scaini, e racconta una storia strana, quella di un’altra “morte bianca”. Incuriositi, De Andreis e Gatto decidono di contattare la donna per approfondire il caso.

Com’è potuto succedere? – Nella stagione 1982/1983, “Scaio” veste la maglia del Lanerossi Vicenza, ambiziosa formazione impegnata nel campionato di C1. Centrocampista educato e dotato di una straordinaria forza fisica, Enzo sogna la Serie A e ha già alle spalle una solida carriera spesa tra il purgatorio della B e i gironi infernali della D. Oltre a un destino beffardo che pare sempre abbandonarlo a pochi passi dalla consacrazione, tuttavia, da un paio di anni anche gli infortuni hanno iniziato a tormentarlo e quando, nel gennaio dell’’83, il legamento crociato si stanca di sostenere i suoi 190cm per 85kg non resta altro da fare che rivolgersi ai medici e procedere con l’operazione.

In quegli anni Villa Bianca è un polo di assoluta eccellenza, ospita i migliori specialisti del settore e persino campioni come Gigi Riva, Carlo Ancelotti e Agostino Di Bartolomei vi si sono rivolti per ricomporre i cocci delle proprie articolazioni. Scaini è sereno, conosce i dottori, l’intervento è in anestesia totale. La moglie lo aspetta in stanza, ha con sé delle caramelle e dei ferri da maglia. Qualcosa però va storto. Scaini muore e lascia sola Rossella, con due figli da crescere, un processo da affrontare e un’ossessione che le si attorciglia in bocca: com’è potuto succedere?

Non per vendetta, ma per verità – Nessun colpevole, tutti gli imputati assolti. Questo il verdetto di una vicenda giudiziaria che, tuttavia, non riesce a trovare una risposta all’assurdità della scomparsa di un atleta apparentemente in perfetta salute (legamenti esclusi) e sul cui decesso più di un’ombra sembra potersi allungare. Analizzando le carte del processo a oltre 30 anni di distanza, infatti, De Andreis e Gatto evidenziano le incongruenze e le lacune di indagini condotte con una certa superficialità, in cui “troppi elementi non filavano come avrebbero dovuto”.

Affidandosi a una prosa piana e dosata, che di rado si concede al guizzo romanzesco, Non ero Paolo Rossi – il cui titolo fa riferimento alla risposta data dal presidente dell’Associazione italiana calciatori, Sergio Campana, a Rossella che chiedeva il motivo per cui l’interesse dei media attorno alla vicenda si fosse estinto così rapidamente – ripercorre, traduce e riassume le complesse dinamiche giudiziarie di una vicenda i cui contorni appaiono sin da subito incerti, tanto al lettore quanto ai suoi narratori. I due giornalisti organizzano così una vera e propria inchiesta – confrontando testimonianze, arringhe e perizie medico-legali -, rifuggendo però qualsiasi intento persecutorio e procedendo in nome della verità e del ricordo.

Sogni e ritratti – Facendo ampio uso del flashback e affidandosi a una divisione “tematica” dei capitoli, infatti, i due autori tracciano il ritratto di un ragazzo semplice e di un mondo ormai dimenticato. Attraverso le testimonianze di parenti, amici e compagni di squadra ecco dunque riaffiorare i lineamenti dolci di un gigante buono, innamorato della vita e della sua famiglia, nato nella campagna friulana e cresciuto con la valigia in mano, girovagando per uno Stivale fatto di province e pallone.

Un calcio popolato da figli di un dio minore, che stavano bene, certo, ma che ancora si potevano confondere con i loro tifosi. Un’Italia modesta, dedita all’agricoltura e al commercio, dove i contratti si stipulavano con una stretta di mano e senza alcun procuratore, ma anche un Paese in cui i giocatori erano in balia delle società di appartenenza. Mentre gli spari degli Anni di piombo facevano da sfondo e qualcuno là, sul campo, si affannava rincorrendo un sogno chiamato Serie A.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

F1 Gp Germania: vince Hamilton in rimonta, Vettel va fuori con la pioggia [orari tv Sky e Tv8]

next
Articolo Successivo

Scherma, campionati del mondo di Wuxi: medaglia d’oro per Alice Volpi e bronzo per Arianna Errigo

next