La prova costume? Un appuntamento ben più importante di quanto si creda se il tema è vivere la spiaggia e il mare senza rischi. La corretta alimentazione, la digestione, l’esposizione al sole, il saper riconoscere i segnali della fatica e i campanelli di allarme del nostro corpo: ecco i punti cardine di “Estate Sicura”, la nuova campagna della Croce Rossa Italiana che fornisce semplici consigli per vivere la stagione più calda senza rischi per la salute.

Saranno tre brevi spot a veicolare i messaggi della campagna, con protagonisti un papà ‘distratto’, un giovane ‘secchione’ con spiccata attitudine al rimprovero e una soccorritrice OPSA (Operatore Polivalente per il Salvataggio in Acqua) della Croce Rossa Italiana che, di fronte alla disattenzione del papà e all’eccessivo nozionismo del ragazzo, spiega con semplicità le poche regole di comportamento che ci consentono di ascoltare meglio il nostro corpo evitando così serie conseguenze per la salute.

La campagna “Estate Sicura” è anche l’occasione per sottolineare l’impegno e la professionalità con i quali operano gli oltre 13mila operatori OPSA della Croce Rossa Italiana, che proprio quest’anno festeggiano il 25esimo anniversario di attività. Questi anni sono stati caratterizzati da numerosi interventi in occasione di emergenze e calamità quali allagamenti e alluvioni, come gli eventi di Genova del 2011 e 2014, quando furono tratte in salvo moltissime persone, anche grazie all’intervento degli operatori OPSA della Croce Rossa.

Non solo emergenza, però. Oltre alle attività in collaborazione con la Guardia Costiera, gli OPSA sono inoltre impegnati in percorsi inclusivi per le persone con disabilità e nella diffusione di informazioni per la prevenzione, autoprotezione e primo intervento. Collegandosi al sito www.acqua.cri.it sarà possibile accedere a tutti i consigli di “Estate Sicura”, mentre volontari e operatori distribuiranno il materiale informativo della campagna nei luoghi di balneazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Treviglio, il sexy shop che fa da sponsor alla Festa dell’Unità: “Messo un po’ di pepe alla lotteria, la politica non c’entra”

prev
Articolo Successivo

Arriva “Estate Sicura”, la campagna della CRI per superare la prova costume. Riconoscere i segnali della fatica

next