Oltre 7mila persone da diverse parti d’Italia, con delegazioni da Spagna e Francia, hanno manifestato per le strade della città di Ventimiglia a pochi chilometri dalla frontiera, militarizzata, che in questi tre anni ha ucciso 17 migranti che provavano a superarla. Nonostante i continui allarmi mediatici del sindaco Enrico Ioculano (Pd), che in compagnia dei colleghi leghisti del ponente ligure ha tentato in tutti i modi di ostacolare un’iniziativa chiaramente garantita dalla Costituzione, definendola ‘un’idiozia’, la manifestazione ha riscontrato inaspettatamente il consenso di molti cittadini di Ventimiglia e la simpatia degli esercenti, complice anche l’impatto economico dato dall’arrivo di un numero così significativo di persone, che si sono fermati a pranzo e a cena a Ventimiglia.

A unire manifestanti e cittadini, forse per la prima volta, la richiesta di apertura della frontiera blindata dal 2015. “Non è solo un problema di Italia e Francia – spiegano i manifestanti, coordinati dal Progetto 20k – ma riguarda l’Europa intera e il suo futuro, quello del superamento del regolamento di Dublino, la creazione di un permesso di soggiorno europeo e la riapertura delle frontiere interne”. Il corteo ha portato musica, colore e un po’ di sostegno anche ai migranti bloccati al confine, numericamente decimati dalle recenti ‘operazioni di alleggerimento della frontiera’ – ideate dall’ex-ministro degli Interni Alfano nel 2016 – che comportano lunghi e costosi trasferimenti dei migranti in transito dalle frontiere del nord Italia agli hotspot del sud.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Firenze, l’Opificio che fa rivivere le opere d’arte di tutto il mondo che lotta per l’esistenza per l’organico quasi a metà

prev
Articolo Successivo

Apre la pista ciclabile sul Garda, lo spettacolo è mozzafiato. All’inaugurazione c’è anche Toninelli: “Il governo? Durerà 5 anni”

next