L’Assemblea di Montecitorio ha appena respinto la richiesta del Pd di sospendere l’esame del decreto che dovrebbe trasferire il Tribunale di Bari, inagibile da mesi, in un edificio di proprietà di un imprenditore, come ha scritto Repubblica, vicino ad ambienti mafiosi. Secondo il centrosinistra, infatti, la discussione sarebbe dovuto iniziare solo dopo le spiegazioni, in merito, del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede.
Subito dopo il risultato del voto, dai banchi di Pd e Leu si è levato il coro, utilizzato dal M5s nella passata legislatura, “onestà, onestà!”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dazi, Boccia: “All’Italia servono mercati aperti. Partita persa se si parla come singoli stati”

next
Articolo Successivo

Tribunale Bari, scambio accuse Pd-M5s alla Camera. Morani vs Sarti: “Bonafede incauto”. “Ve ne siete sempre fregati”

next