L’Assemblea di Montecitorio ha appena respinto la richiesta del Pd di sospendere l’esame del decreto che dovrebbe trasferire il Tribunale di Bari, inagibile da mesi, in un edificio di proprietà di un imprenditore, come ha scritto Repubblica, vicino ad ambienti mafiosi. Secondo il centrosinistra, infatti, la discussione sarebbe dovuto iniziare solo dopo le spiegazioni, in merito, del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede.
Subito dopo il risultato del voto, dai banchi di Pd e Leu si è levato il coro, utilizzato dal M5s nella passata legislatura, “onestà, onestà!”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dazi, Boccia: “All’Italia servono mercati aperti. Partita persa se si parla come singoli stati”

next
Articolo Successivo

Tribunale Bari, scambio accuse Pd-M5s alla Camera. Morani vs Sarti: “Bonafede incauto”. “Ve ne siete sempre fregati”

next