Mal d’auto? Citroen lo risolve con gli occhiali magici: si chiamano “Seetroën” e, secondo la casa francese, sono in grado di eliminare i problemi di chinetosi, il disturbo neurologico che molti accusano se sottoposti a spostamenti ritmici o irregolari mentre sono a bordo di navi, aerei o automobili. In Europa ne sono affetti 30 milioni di persone e una persona su tre ne sviluppa i sintomi almeno una volta nella vita.

I “super occhiali” arrivano giusto in tempo per gli esodi estivi: sviluppati inizialmente per essere usati in mare, utilizzano una tecnologia sviluppata dalla start-up francese Boarding Ring e sono un dispositivo paramedico che, secondo Citroen, offre una percentuale di efficacia del 95%: “Grazie al liquido in movimento negli anelli situati intorno alla zona degli occhi, in senso frontale,a destra e a sinistra, ma anche in avanti e indietro, gli occhiali ricreano la linea dell’orizzonte, per risolvere il problema sensoriale all’origine del malessere”.

La marca transalpina ha affidato lo stile dei “Seetroën” a 5.5, studio di design collettivo parigino, che ha realizzato una montatura in materiale plastico bianco piacevole al tatto. Il loro funzionamento necessiterebbe di pochi minuti: basterebbe, infatti, indossare gli occhiali alla comparsa dei primi sintomi e attendere 10/12 minuti affinché i Seetroën possano “sincronizzare la mente con il movimento percepito dall’orecchio interno”, mentre gli occhi restano fissi su un oggetto immobile come uno smartphone o un libro. A sincronizzazione avvenuta si possono anche togliere per godersi il resto del viaggio.

Gli occhiali contro il mal d’auto sono utilizzabilI dagli adulti e i bambini a partire da 10 anni (quando l’orecchio interno ha completato la crescita), non hanno lenti, possono essere condivisi con tutti ed essere posizionati pure sopra un altro paio di occhiali. Sono in vendita al prezzo di 99 euro nella boutique lifestyle del marchio: lifestyle.citroen.com

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Dazi auto Usa, Merkel: “siamo pronti a negoziare una riduzione generale”

prev
Articolo Successivo

McLaren, il nuovo corso: “Ora la 600LT e nel 2025 solo ibride. Ma niente suv” – FOTO

next