I gol sotto porta di Neymar e Firmino, la solita difesa, qualche giocata e tanto cinismo. Così il Brasile elimina il Messico senza troppa fatica e si prepara già ai quarti di finale, in programma  venerdì alle 20 a Kazan contro la vincente di Belgio-Giappone. Chi pensava in un’altra sorpresa, dopo l’impresa della Russia e quella sfiorata dalla Danimarca, è stato illuso dalla partenza perfetta dei messicani: 25 minuti di corsa a mille e aperture veloci per il trio offensivo. Ma Alisson non ha tremato e alla lunga sono usciti i verdeoro, capaci di passare in vantaggio a inizio ripresa con Neymar e poi di chiudere la partita giusto per non soffrire nei minuti di recupero.

Il Brasile non stupisce, non ruba l’occhio, ma dalle serpentine di Neymar alle intese tra Coutinho e Gabriel Jesus dà l’impressione di poter essere letale in qualsiasi momento. Anche Willian agli ottavi gioca una partita quasi perfetta ed è un suo affondo sulla sinistra a regalare al numero 10 brasiliano un pallone da dover solo depositare in rete. Il disegno del ct Tite prevede poi un centrocampo di corazzieri a protezione della difesa che così diventa impenetrabile. Il Messico può solo rimpiangere qualche errore di precisione nei primi minuti, poi però non riesce più a offendere.

Dall’altra parte il Brasile impressiona soprattutto per la solidità – leggasi Thiago Silva, Miranda e Alisson – e per il cinismo con cui poi anche Firmino trasforma nel 2-0 finale l’assist di Neymar. Ancora lui, il numero 10 verdeoro partito in sordina ma che ora – mentre gli altri campioni, da Ronaldo a Messi, sono già in vacanza – diventa decisivo e migliora di partita in partita.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Russia 2018, le palle di Putin / Vladimir ha la sua arma di distrazione di massa

next
Articolo Successivo

Mondiali 2018, Belgio-Giappone 3 a 2: i diavoli rossi rimontano il due a zero e vanno ai quarti contro il Brasile

next