Borsa in calo e spread in rialzo. I mercati italiani iniziano la settimana in affanno, ma le cause potrebbero essere fuori dai confini a partire dai timori per il governo tedesco in bilico per le questioni dell’immigrazione e l’avvicinarsi dell’introduzione dei dazi su acciaio e alluminio imposti dagli Stati Uniti. Tanto è vero che il ribasso non riguarda solo Milano che pure è stata la peggiore d’Europa dopo Londra, ma anche le altre principali piazze europee. Sull’ottovolante i titoli di Stato che in giornata sono tornati a infiammarsi con rendimenti fino al 2,74% per poi chiudere al 2,64%: così il differenziale di rendimento tra Btp e Bund a dieci anni ha superato i 245 punti base per poi ritracciare a 234 punti, in calo rispetto ai 236 di venerdì.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gruppo Sole 24 Ore, dopo l’ad Moscetti lascia anche il presidente Giorgio Fossa

next