Borsa in calo e spread in rialzo. I mercati italiani iniziano la settimana in affanno, ma le cause potrebbero essere fuori dai confini a partire dai timori per il governo tedesco in bilico per le questioni dell’immigrazione e l’avvicinarsi dell’introduzione dei dazi su acciaio e alluminio imposti dagli Stati Uniti. Tanto è vero che il ribasso non riguarda solo Milano che pure è stata la peggiore d’Europa dopo Londra, ma anche le altre principali piazze europee. Sull’ottovolante i titoli di Stato che in giornata sono tornati a infiammarsi con rendimenti fino al 2,74% per poi chiudere al 2,64%: così il differenziale di rendimento tra Btp e Bund a dieci anni ha superato i 245 punti base per poi ritracciare a 234 punti, in calo rispetto ai 236 di venerdì.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gruppo Sole 24 Ore, dopo l’ad Moscetti lascia anche il presidente Giorgio Fossa

prev
Articolo Successivo

Riscossione, Ruffini: “Dalla prima rottamazione delle cartelle attesi 8,2 miliardi in totale, 1 in più del previsto”

next