Italia e Malta negano l’accesso alle loro acque territoriali alla nostra nave Open Arms“, scrive su Twitter la ong spagnola Proactiva Open Arms. Un accesso richiesto per fare rifornimento nei porti italiani e maltesi e cambiare equipaggio. Il nostro è “un battello umanitario che ha salvato oltre 5mila vite in un anno sotto il coordinamento della Guardia costiera, che è stato dissequestrato dalla giustizia italiana ed il cui equipaggio è europeo, come la bandiera”, aggiunge l’ong. Intanto il governo di La Valletta fa sapere in una nota che d’ora in poi nessuna imbarcazione appartenente a un ente no profit potrà entrare nei suoi porti. Malta “non può consentire a entità con strutture simili a quelle oggetto di indagini di usare il porto per le loro operazioni, né di entrare o uscire“, si legge nel comunicato. Resta così bloccata anche la nave della Seawatch che, a quanto risulta all’Ansa, è sottoposta a controlli della documentazione.

Per quanto riguarda l’Italia, fonti qualificate fanno sapere che non c’è stata alcuna richiesta da parte di Open Arms di entrare nelle acque territoriali o nei porti italiani. L’imbarcazione, in base a quanto si apprende, si trova attualmente in area Sar libica mentre la Astral (l’altra imbarcazione della Ong con a bordo quattro europarlamentari) naviga in area Sar di Malta e si sta dirigendo verso le coste africane.

La nave di Proactiva Open Arms è già finita sotto i riflettori il 18 marzo scorso, quando è stata sequestrata nel porto di Pozzallo dopo aver salvato 218 migranti ed essersi scontrata duramente con le autorità libiche. Il reato ipotizzato dal procuratore Carmelo Zuccaro era quello di associazione per delinquere finalizzata all’immigrazione clandestina. Un mese dopo, però, il Gip di Ragusa ha dissequestrato Open Arms scagionandola da tutte le accuse.

Sul caso è intervenuto anche il fondatore di Proactiva Open Arms, Oscar Camps, che su Twitter denuncia la “violazione di tutte le norme del diritto internazionale e comunitario” da parte di Italia e Malta. Sulla nave, aggiunge Camps, sono presenti solo i membri dell’equipaggio spagnoli.

(Foto tratta dal profilo Twitter di Proactiva Open Arms)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sciatore morto 60 anni fa, la Polizia lancia l’appello su Facebook: “Aiutateci a identificarlo”

next
Articolo Successivo

Roma, Raggi: “Via i sanpietrini da strade ad alta percorrenza. Danni frequenti e costi di manutenzione elevati”

next