“Sfido il ministro dell’Interno Matteo Salvini a venire con me in Africa, sono pronto ad appoggiarlo nel progetto ‘Aiutiamoli a casa loro’. Ci mettiamo un bell’abito e un farfallino diplomatico, voglio vedere se ha le palle di cacciare le multinazionali dall’Africa, a cominciare da quelle italiane. Chi vuole respingere e cacciare è qualcuno che non conosce il linguaggio della storia del mondo”.

Ha commentato così l’attore Moni Ovadia ieri ospite a Trame – Festival dei libri sulle mafie – in occasione dell’anteprima nazionale dello spettacolo “La terra è di cu la travagghia. Pensieri e parole dei sindacalisti uccisi dalla mafia”, realizzato in collaborazione con il musicista Mario Incudine.

Poco prima di andare in scena, Ovadia ha infatti ricordato le ultime vicende che hanno coinvolto i braccianti delle tendopoli di San Ferdinando – Rosarno, dedicando l’incontro alla memoria del sindacalista brutalmente ucciso Mayla Sacko.

“Noi veniamo tutti dal centro dell’Africa e sentire aggredire i nostri fratelli mi fa indignare” ha concluso l’attore “bisognerebbe prendere esempio da questa gente straordinaria, uomini come Soumayla Sacko”.

Diventa sostenitore,
fai parte della redazione.
Abbiamo bisogno di te.

I nostri Sostenitori partecipano alle riunioni di redazione in diretta streaming, suggeriscono spunti e notizie, navigano il sito senza pubblicità, consultano gratuitamente l’archivio del giornale. Potranno inoltre accedere al numero di aprile di Fq Millennium e a Loft, la nostra piattaforma Tv, per 3 mesi. Hanno un blog dedicato per pubblicare le loro analisi. Insomma sono fondamentali per la nostra comunità. E in questo periodo di crisi lo sono anche per coprire economicamente parte del lavoro della nostra redazione. Diventa anche tu Sostenitore. Clicca qui Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Chi ha paura di Roberto Saviano?

next
Articolo Successivo

Migranti, Di Maio: “Da Macron interventi scomposti. La vera lebbra è l’ipocrisia europea”. E sulle Ong: “Avevamo ragione”

next