“La mia ricetta, se ci muoviamo in tempo, non è niente di particolarmente drammatico: siamo in un periodo di crescita non fenomenale, ma in conseguenza della crescita le entrate dello Stato aumentano, bisogna semplicemente resistere alla tentazione di andare a spendere gli aumenti di entrate, non si tratta di tagliare, si tratta di fare ciò che farebbe una famiglia indebitata che all’inizio dell’anno ha un aumento di stipendio, ecco quelle maggiori entrate non è che se le va a spendere subito”. Lo ha detto l’economista Carlo Cottarelli a margine della presentazione del suo libro ‘I sette peccati capitali dell’economia italiana’ a Genova

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Populista, il Sovranista e l’Avocado del pueblo

next
Articolo Successivo

Saviano critica Salvini e il ministro mette in dubbio la sua scorta. Ecco chi l’assegna e perché lo scrittore è a rischio

next