“Dal ministro abbiamo avuto la garanzia che non ci sarà un intervento unilaterale, ma che ci sarà un accordo condiviso“. Così i sindacati sul caso Ilva, dopo aver incontrato al Ministero dello Sviluppo economico il ministro Luigi Di Maio. I sindacati hanno chiarito come l’esecutivo non abbia ancora chiarito quale sia la strategia da adottare sul nodo acciaieria, in attesa di incontrare anche Ancelor Mittal. Ma che si lavorerà per un accordo tra le parti. Anche la segretaria generale della Fiom, Francesca Re David, ha rivendicato: “Lavoro, ambiente e salute non possono essere messe in contraddizione”. Mentre il leader della Uilm, Rocco Palombella ha sottolineato come serva fare presto: “Chi parla di chiusura dello stabilimento non sa di cosa parla. Il tempo non gioca a nostro favore, ma se Arcelor Mittal ci tiene davvero deve compiere uno sforzo in più e assicurare la piena occupazione a tutti i lavoratori”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sondaggi, sorpasso virtuale della Lega: vola al 29,2 per cento e supera (di poco) M5s. Pd e Forza Italia in crescita

prev
Articolo Successivo

Ilva, Emiliano: “Con Di Maio al Mise ristabilito rapporto. Governo Pd? Solo mortificazioni, nessun tavolo di trattativa”

next