Un’auto in fiamme, della vernice rossa sulle serrande del barbiere del paese e poi il foglio, con la scritta “Questo è un negozio ebreo“, affisso all’ingresso. Nella notte San Maurizio Canavese, in provincia di Torino, è stato teatro di una serie di atti vandalici. Sul caso stanno indagando i carabinieri della compagnia di Venaria, che ancora non hanno capito se esiste un collegamento fra il veicolo andato a fuoco e la frase antisemita. Dai primi accertamenti è risultato però che il titolare dell’attività presa di mira non ha parenti ebrei e, in passato, non ha mai ricevuto minacce.

Secondo quanto riportato dal quotidiano La Stampa, inizialmente è andata a fuoco una macchina parcheggiata vicino al dehor di un bar. Poi, in piazza Guglielmo Marconi, la saracinesca del barbiere è stata imbrattata con della vernice rossa. E sulla porta è comparso un foglio A4, battuto al computer, contenente la scritta incriminata. I militari sono ancora al lavoro per fare luce sull’accaduto e saranno determinanti i filmati delle telecamere di sorveglianza. Non si esclude l’ipotesi di una bravata.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, ong Sea Watch: “Naufragio al largo della Libia, 12 morti e 41 salvati”. Salvini: “Si rivolgano ad altri Paesi”

prev
Articolo Successivo

Aquarius, canti e “pensieri positivi” per resistere, il neonato portato in salvo e la coppia che si è ritrovata

next