È stato fermato l’uomo che nel pomeriggio ha sequestrato tre persone  (tra cui una donna incinta) nel decimo arrondissement di Parigi, nel centro della città. La polizia ha fatto irruzione nell’appartamento di rue des Petites-Ecuries e tutti gli ostaggi sono stati tratti in salvo. Lo si è appreso da fonti delle forze dell’ordine.

Secondo le prime ricostruzioni, il sequestratore era in possesso di una bomba e di una pistola e aveva chiesto di essere messo in contatto con l’ambasciata dell’Iran, con l’obiettivo di “consegnare un testo al governo francese“. Escluso il movente terroristico, spiega l’emittente Bfm-tv in base ai primi elementi dell’indagine, da cui è risultato anche che la presa degli ostaggi è avvenuta al piano terra del palazzo, dove c’è un cortile e diversi uffici open space. La zona è stata evacuata e tutti i negozi sono stati sprangati. Come riportato da alcuni media francesi, inoltre, il sequestratore sarebbe uno “squilibrato“.

Prima dell’irruzione della polizia, la trattativa tra le forze dell’ordine e l’uomo aveva ottenuto un primo risultato: uno degli ostaggi detenuti era stato liberato dopo essere stato preso a pugni e cosparso di benzina. Secondo Bfm-Tv anche la donna incinta sarebbe riuscita a sfuggire. A sentire Le Parisien, l’uomo aveva dichiarato anche di avere un complice armato all’esterno dell’edificio.

Il ministro francese dell’Interno, Gérard Collomb, rende omaggio su Twitter alla “professionalità e alla reattività delle forze di polizia e dei soccorsi”. Collomb conferma anche che “l’individuo è stato fermato e gli ostaggi sono fuori pericolo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Kim e Trump, teatro perfetto a Singapore. Ma il rischio maggiore per l’intesa sono loro due

prev
Articolo Successivo

Migranti, commissario Ue: “Su Aquarius non faccio il gioco del biasimo. Problema europeo, serve risposta europea”

next