È stato fermato l’uomo che nel pomeriggio ha sequestrato tre persone  (tra cui una donna incinta) nel decimo arrondissement di Parigi, nel centro della città. La polizia ha fatto irruzione nell’appartamento di rue des Petites-Ecuries e tutti gli ostaggi sono stati tratti in salvo. Lo si è appreso da fonti delle forze dell’ordine.

Secondo le prime ricostruzioni, il sequestratore era in possesso di una bomba e di una pistola e aveva chiesto di essere messo in contatto con l’ambasciata dell’Iran, con l’obiettivo di “consegnare un testo al governo francese“. Escluso il movente terroristico, spiega l’emittente Bfm-tv in base ai primi elementi dell’indagine, da cui è risultato anche che la presa degli ostaggi è avvenuta al piano terra del palazzo, dove c’è un cortile e diversi uffici open space. La zona è stata evacuata e tutti i negozi sono stati sprangati. Come riportato da alcuni media francesi, inoltre, il sequestratore sarebbe uno “squilibrato“.

Prima dell’irruzione della polizia, la trattativa tra le forze dell’ordine e l’uomo aveva ottenuto un primo risultato: uno degli ostaggi detenuti era stato liberato dopo essere stato preso a pugni e cosparso di benzina. Secondo Bfm-Tv anche la donna incinta sarebbe riuscita a sfuggire. A sentire Le Parisien, l’uomo aveva dichiarato anche di avere un complice armato all’esterno dell’edificio.

Il ministro francese dell’Interno, Gérard Collomb, rende omaggio su Twitter alla “professionalità e alla reattività delle forze di polizia e dei soccorsi”. Collomb conferma anche che “l’individuo è stato fermato e gli ostaggi sono fuori pericolo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Kim e Trump, teatro perfetto a Singapore. Ma il rischio maggiore per l’intesa sono loro due

next
Articolo Successivo

Migranti, commissario Ue: “Su Aquarius non faccio il gioco del biasimo. Problema europeo, serve risposta europea”

next