Terzo incarico da sindaco per Vittorio Sgarbi. Il critico d’arte è stato il più votato a Sutri (piccolo Comune a metà strada fra Roma e Viterbo) con il 58,79 per cento delle preferenze. Sconfitto l’aspirante sindaco della Lista civica Sutri, Luigi Di Mauro, che si è fermato al 41,2.”Sono felice e soddisfatto“, ha commentato Sgarbi – deputato di Forza Italia – al termine dello spoglio. Il risultato di Sutri è quasi un plebiscito. Sui giornali è passato che Sgarbi ha vinto riuscendo ad unire la Lega a Rifondazione. Ma i comunisti smentiscono “con sdegno”: “Sembra – si legge in una nota della federazione di Viterbo  – che un nostro ex iscritto, affascinato dalle iperboliche promesse di Sgarbi, abbia fatto sapere di appoggiarne la scalata a sindaco di Sutri in nome delle ‘magnifiche sorti e progressive’ che lo aspettano: fatti suoi. Noi invece, che non siamo facili alle fascinazioni mediatiche, chiediamo alla stampa di verificare e prendere atto che Rifondazione Comunista a Sutri non presenta una propria lista e che i compagni di quel circolo sono da tempo impegnati a favore della Lista Civica per Sutri con Lillo Di Mauro”, cioè l’avversario di Sgarbi.

Per Sgarbi non sarà la prima esperienza da primo cittadino. È già stato sindaco di San Severino Marche dal 1992 al 1993 e soprattutto di Salemi dal 2008 al 2012.Ad ogni modo l’esperienza nel Comune siciliano, conclusa prematuramente con le sue dimissioni a un mese dallo scioglimento per infiltrazioni mafiose, è stata costellata da polemiche e provocazioni. Pochi mesi dopo la vittoria alle elezioni, Sgarbi aveva deciso di istituire diversi assessorati “eccezionali”: Graziano Cecchin “al Nulla”, Oliviero Toscani “alla Creatività” e Marco Castoldi (in arte Morgan) “all’Ebbrezza”. Poi l’intercettazione su Libera, in cui il critico d’arte diceva di non voler assegnare a Don Ciotti la gestione del terreno confiscato al boss salemitano Salvatore Miceli, e il particolare bando per scegliere il vicesindaco aperto solo a donne tra 25 e 45 anni. Fino allo scioglimento per infiltrazioni mafiose, nella cui relazione del Viminale è scritto nero su bianco che il sindaco Sgarbi ha avuto “precise responsabilità” per non aver “arginato le interferenze dell’onorevole Giammarinaro“. Il riferimento è all’ex sorvegliato speciale ed ex deputato regionale della Dc Pino Giammarinaro, indicato nel rapporto della polizia “Salus Iniqua” come a capo di un “regno”, tra mafia, politica e sanità.

Sgarbi ha riprovato a tornare alla guida di un’amministrazione comunale presentandosi alle elezioni a Cefalù nel 2012 (candidatura inizialmente respinta dal tribunale di Marsala per i fatti di Salemi) e nel 2014 ha paventato l’ipotesi di una nuova candidatura a Salemi. Eletto deputato per la quinta volta alle politiche del 4 marzo, ha rinunciato alla nomina di assessore ai Beni culturali in Sicilia. Fra le sue prime mosse nella 18esima legislatura c’è stato l’inaspettato sostegno al governo Conte: “Dove c’è il disordine io prospero e quindi voterò la fiducia al governo, aveva dichiarato in aula il 6 giugno. Un’attività parlamentare che ora il critico d’arte dovrà conciliare con il nuovo incarico di sindaco di Sutri.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Amministrative, il M5s è fuori dai ballottaggi nei due Municipi di Roma. Vince il “modello civico” di Zingaretti

prev
Articolo Successivo

Amministrative Lazio, M5s brinda solo nella Pomezia del “ribelle” Fucci. Ad Anagni Casapound al ballottaggio

next