Quello che vedete nella foto qui sopra si chiama Slimbox, ed è un nuovo sistema di localizzazione satellitare per auto e moto proposta da Tim in collaborazione com Viasat. Il congegno, disponibile presso gli oltre 200 store specializzati in telefonia presenti nelle grandi città, non solo permette di ritrovare il proprio veicolo in caso di furto tramite GPS, ma anche di fornire a chi lo possiede informazioni utili circa il proprio stile di guida e ricevere assistenza 24 ore su 24 dalla Centrale Operativa Viasat in caso di guasti e incidenti. Secondo la legge sulla Concorrenza dell’agosto 2017, inoltre, chi equipaggia i propri mezzi con dispositivi del genere ha diritto a una serie di sconti sulle polizze assicurative. Ma il sodalizio tra Tim e Viasat ha pensato anche a proteggere un mezzo molto diffuso come la bicicletta: a breve arriverà in commercio anche Viasat Lock, un localizzatore satellitare autoalimentato che può essere facilmente montato sulle due ruote a pedali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Huansu Hyosow X-Series, il clone cinese da 15 mila euro della Lamborghini Urus – FOTO

next
Articolo Successivo

Bergamo, favori a detenuto svelano corruzione, falsi e truffa: tra i cinque arrestati anche ex direttore carcere

next