“C’è la volontà da parte di tutti, anche dello Stato italiano, di perseguire ad ogni costo la verità sul caso Regeni. Chiediamo una verità che sia sostanziale, forte, definitiva”. A rivendicarlo è stato il presidente della Camera Roberto Fico dopo l’incontro a Montecitorio con i vertici di Amnesty International Italia, in merito alla vicenda, ancora irrisolta, del ricercatore italiano rapito, torturato e ucciso due anni e mezzo fa al Cairo.
All’incontro ha partecipato anche il presidente di Amnesty International Italia, Antonio Marchesi, che ha rivendicato come sarà presto richiesto ai neo ministri dell’Interno, Esteri e Giustizia un incontro. “La nostra impressione è che non ci siano novità sulla vicenda e che la decisione dello scorso agosto di riportare l’ambasciatore italiano al Cairo sia stata vissuta dalle autorità egiziane come la fine delle pressioni per ottenere la verità, al di là delle intenzioni dell’Italia. Quella è stata una mossa intempestiva e rischiosa”, ha aggiunto Marchesi. Per poi chiarire: “Se chiederemo che venga nuovamente ritirato al nuovo esecutivo? Non so se a questo punto avrebbe senso, è una valutazione che non abbiamo fatto”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Migranti, Bonino: “Linguaggio di Salvini? Misto di volgarità e squadrismo offensivo. Sue promesse infattibili e crudeli”

prev
Articolo Successivo

Grandi opere, dal M5s toscano un dossier per Toninelli: “Stop a Tav e ampliamento dell’aeroporto”. Ma la Lega è a favore

next