“Questa piazza è l’inizio del nostro lavoro nel paese per l’alternativa popolare. Non faremo sconti a questo governo. Che fa il governo, protegge i dazi di Trump? Dobbiamo chiedere a tanti elettori di centrosinistra di tornare a casa: questa casa è aperta e si rinnova, ma è orgogliosa del lavoro fatto. Misureremo questo governo immediatamente, in particolare nel confronto europeo. Non faremo fare passi indietro al paese, qualcuno dei nuovi ministri guarda più all’Ungheria. Dobbiamo essere opposizione in tutto e per tutto a un contratto sbagliato per gli italiani”, così il segretario del Pd Maurizio Martina a margine della manifestazione del suo partito a piazza Santi Apostoli.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Governo, Salvini: “Duriamo almeno dieci anni”. E sui numeri del piano rimpatri: “Irrealizzabile? Studieremo con i tecnici”

prev
Articolo Successivo

Governo, la crisi non è un reality ma un serial. E non è finita qui

next