“Ricordo mio fratello, soprattutto, quando eravamo bambini. Quando mi proteggeva”. A parlare è il fratello minore di Carlo Cottarelli, Mario. “Ho appreso la notizia dell’incarico di governo a mio fratello con entusiasmo. Poi, però è subentrata la preoccupazione, perché ci sono forti pregiudizi nei confronti dei governi tecnici. Ma sarebbe sbagliato non dare la fiducia a Carlo, perché il suo mandato avrà breve durata e perché lui vuole fare il bene dell’Italia”. E sul ricordo di come fosse da giovane, ha detto: “A scuola andava bene, ma senza studiare molto. Era un divoratore di cultura, gli piaceva la storia e ascoltava molta musica”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Mattarella è caduto nella trappola di Salvini. Ma l’impeachment non esiste

next
Articolo Successivo

Governo, diretta – Cottarelli lascia il Quirinale senza sciogliere la riserva. “Nessuna rinuncia, approfondimenti su ministri”

next