“Siamo preoccupati dal clima che si è determinato e anche dai toni che si stanno utilizzando quando mi pare che siamo di fronte a una scelta da noi condivisa del Presidente della Repubblica di rispettare la Costituzione. Credo che Mattarella abbia agito nell’interesse dei trattati internazionali, fondamentali per il nostro paese. Uscire dall’Europa per l’Italia sarebbe un gigantesco indebolimento. Credo che ci sia una tendenza a dimenticarsi come sia fatto l’articolo 1 della Costituzione che dice che siamo una Repubblica parlamentare, credo ci sia tanto analfabetismo costituzionale, in gran parte voluto. Cosa penso della nomina di Cottarelli? Al momento non penso, credo che bisognerà verificare qual è il mandato che gli viene dato e sulla base di quello dare giudizi”. Queste le parole della segretaria della Cgil Susanna Camusso intervenuta a margine dell’evento ‘Big Data. Se siamo numeri, quanto contiamo?’ presso la Camera del Lavoro di Milano.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Non è l’arena, Giletti chiama Giorgia Meloni, ma lei è alle prese con la figlia. E il collegamento fa ridere tutto lo studio

prev
Articolo Successivo

Da elettore deluso dico: stavolta gli italiani non dimenticheranno facilmente

next