Luigi Di Maio interviene telefonicamente nel bel mezzo di Che Tempo che Fa su Rai 1. Alla domanda di Fazio se ci vedesse una macchinazione del centro destra nella crisi dichiarata dal Presidente Mattarella, Di Maio risponde sicuro: “Vedendo la genesi di come è stata scelta questa squadra di governo anche la persona individuata per l’economia l’avevamo scelta insieme l’avevamo e  quindi non è un’impuntatura di una forza politica, ma evidentemente tutti quelli come questo professor Savona non andavano bene perché le alternative che ci hanno proposto non erano alternative che potessero mettere in discussione un po’ l’Eu, fermo restando che noi non volevamo uscire dall’Eu e nel contratto non c’era uscita dall’Unione Europea. Io mi sento di confermare che non ci sia stato nessun doppio gioco in questa vicenda”.

Alla domanda di Fazio “Perché non Giorgetti?” Di Maio risponde deciso: “Non mi si può dire che non va bene un esponente proposto da noi perché non piace alla agenzie di rating o alle banche europee, allora non andiamo a votare e che ci dicessero loro cosa vogliono. Invece siamo una nazione sovrana quindi avevamo tutto il diritto di esprimere persone nella squadra di governo che avessero un preciso mandato: quello di tutelare gli italiani. Faccio notare che queste agenzie di rating sono quelle che hanno nascosto o non si sono accorte della crisi del 2007 e ci hanno mandato in crisi per 10 anni e ancora la stanno scontando i nostri imprenditori e le nostre famiglie.

Non avevamo intenzione di uscire dall’Euro. L’assurdità è che stato convocato subito dopo Cottarelli che non ha la fiducia della maggioranza del parlamento e probabilmente verrà presentato al Parlamento senza che abbia la maggioranza e la fiducia e diventerà il governo in carica per gli affari correnti. Lui si, un ministro con la maggioranza del Parlamento, no.”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Di Maio a Che tempo che fa: “Nel governo sì a criminali e no a incensurati” e chiede messa in stato d’accusa di Mattarella

prev
Articolo Successivo

Impeachment per “alto tradimento” o “attentato a Costituzione”. Il giurista: “Il Colle ha rispettato le sue prerogative”

next