“Fino a ieri non era accettabile che le persone trans avessero una vita riproduttiva”. Severin è persona trans “non binaria“, ovvero nata donna ma che non si identifica nei generi uomo/donna. “Ma ci sono ormai anche uomini trans che prendono ormoni e decidono serenamente di avere gravidanze e portarle avanti”, racconta durante la manifestazione di Non Una di Meno a Roma in occasione dei 40 anni della legge 194 sull’aborto. “Ecco perché dico che anche il mio utero trans è mio e me lo gestisco io. Sia che voglia decidere di abortire, sia che voglia avere figli. Ho a che fare con obiettori – come ogni persona riconosciuta femmina alla nascita – fin da quando ho memoria”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, le femministe contro il reddito di cittadinanza: “Meglio il reddito di autodeterminazione. Una misura di liberazione”

next
Articolo Successivo

Festa del Fatto, Murgia: “Donne e stampa? Difficile imporsi dal basso ma non demordo”. Berlinguer: “L’uguaglianza è un’illusione”

next