Dopo aver dominato le prove libere, il pilota della Red Bull Daniel Ricciardo ha conquistato la pole position del Gran Premio di Monaco, sesto appuntamento del Mondiale di Formula 1. Secondo Sebastian Vettel con la Ferrari. In seconda fila partiranno il campione del mondo in carica Lewis Hamilton e la rossa di Kimi Raikkonen. Posizionati in terza fila Valtteri Bottas e la Force India di Esteban Ocon. Settimo tempo per Fernando Alonso, McLaren, ottavo Carlos Sainz in quota Renault. Chiudono la top ten il messicano Perez e la Toro Rosso di Gasly.

Daniel Ricciardo è alla seconda pole della sua carriera dopo quella centrata proprio a Montecarlo due anni fa. L’australiano ha chiuso il Q3 con il tempo di 1:10:810, nuovo record del circuito, precedendo di 229 millesimi la Ferrari di Seb Vettel. Fuori dai giochi, invece, l’altra Red Bull guidata da Max Verstappen che per un incidente alle terze libere non ha potuto partecipare alle qualifiche e scatterà dall’ultima casella in griglia di partenza. Inflitta al pilota, inoltre, una penalizzazione di 5 posizioni per sostituzione del cambio.

“Siamo in pole ma abbiamo lanciato un messaggio forte già da giovedì, siamo stati i più veloci in ogni sessione. Ma la gara è domani, vedremo se potremo festeggiare”, ha commentato Ricciardo al termine delle qualifiche. “C’è ancora fuoco nella mia pancia. Ho fatto tutto il possibile, è una giornata bellissima, domani vediamo di completare l’opera”. Meno soddisfatto l’inglese della Mercedes Hamilton, che dice: “È stata una sfida dura, devo fare i complimenti a Ricciardo, ha avuto un passo incredibile. Ho fatto il possibile, ho provato a migliorare nell’ultimo tentativo. Ma la gara di domani sarà lunga. Non siamo riusciti a provare le altre gomme, vediamo come andrà”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Formula 1, la settimana nera della Ferrari

prev
Articolo Successivo

Formula 1, Gp di Monaco: Ricciardo vince nonostante i problemi, Vettel è secondo. Terzo Lewis Hamilton, poi Kimi Raikkonen

next