Eh sì, la pagina satirica su Facebook “Il mite Martina” forse c’ha visto giusto. Tra gli elettori di sinistra che hanno votato 5 Stelle serpeggia tanta delusione: vedere Danilo Toninelli e Roberto Calderoli andare a braccetto in tivù per alcuni fa davvero male. Tutto sognavano tranne che un governo con i leghisti armati di ruspe e fucili.

In un video, la pagina Facebook satirica Il Mite Martina coglie così l’imbarazzo del popolo di sinistra che ha votato 5 stelle: “Voglio solo che tu sappia che non è colpa tua”.

Tomaso Montanari (Presidente di Libertà e Giustizia, fiorentino, impegnato nella battaglia referendaria del 4 dicembre, storico dell’arte e professore a Napoli) manda un tweet sconsolato (o disperato) agli ‘amici’ grillini in Parlamento: Luigi di Maio, Nicola Morra, Gianluca Perilli, e naturalmente il presidente della Camera Roberto Fico.

In realtà per ora sui social si registra ‘attesa’ da parte dell’ampia base M5S, anche se per la prima volta dalle elezioni del 4 marzo i sondaggi non sorridono ai grillini. Se si andasse a votare oggi, Ixé segna un calo calo rispetto al dato di aprile e a quel 32,6% delle ultime elezioni.

E poi ci sono i tanti al Sud che hanno dato fiducia a Luigi Di Maio e ora si ritrovano il ‘nordista’ Matteo Salvini. L’ultima speranza di tanti che hanno votato M5s si giocherà sui risultati dei primi 100 giorni di governo, i segnali dovranno essere subito positivi, per ora si aspetta, ma la pazienza, dopo più di due mesi di trattative sembra davvero finita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Galli della Loggia, cercare ‘punti in comune tra i tre leader’ è una manipolazione della realtà

next
Articolo Successivo

Oliviero Beha era un vero indignato. Così lo abbiamo ricordato a Roma a un anno dalla morte

next