Michele Santoro torna su Rai3 con ‘M‘. L’appuntamento è da giovedì 10 maggio alle 21,05. Dopo il ciclo di puntate sull’attualità, è la volta di quello che viene definito “racconto monografico”. Al centro gli anni segnati dal rapimento di Aldo Moro, a quarant’anni dall’uccisione del presidente della Democrazia Cristiana e della sua scorta per mano delle Brigate Rosse. “Ci saranno novità”, spiega il giornalista e conduttore tv in conferenza stampa oggi presso la Rai di Viale Mazzini. “Non ci siamo concentrati solo su Moro, ma anche su un personaggio come Mino Pecorelli”.

Poi la “provocazione”: “Ho avuto un’idea: mi candido a componente del nuovo Cda della Rai e manderò il mio curriculum a Camera e Senato, visto che è possibile farlo”, dice Santoro. “La Rai ha potenzialità enormi ma il contesto editoriale attuale è inadeguato. Le mie proposte sono due: trasparenza dei costi e il 40% della produzione del servizio pubblico deve andare a produttori indipendenti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Pd, la satira e le scuse non richieste del direttore di Repubblica

next
Articolo Successivo

Papa Francesco, selfie con i fedeli e milioni di follower su Instagram. Il volto social di Bergoglio

next